Nuova mozione presentata a Strasburgo

La nuova mozione presentata a Strasburgo vede come oggetto l’importazione nell’Unione europea di merci manifatturate nel Laogai.

Il Laogai è il sistema di prigioni del lavoro forzato della Repubblica popolare cinese (RPC). Il sistema Laogai è stato condannato dal Parlamento europeo ed è oggetto del dialogo regolare UE-RPC sui diritti umani. La maggior parte delle carceri Laogai sono entità economiche con nomi di società commerciali. Questi nomi nascondono la vera natura di questi prodotti, che sono quindi in libera vendita, all’interno e all’esterno della RPC. La prova di questa pratica si trova in molti cataloghi di attività economiche, soprattutto nel Dun & Bradstreet, che elenca 330 carceri Laogai conosciute. I campi Laogai fanno pubblicità anche su internet. Ne sono stati identificati circa 500. Anche se raramente provata, il Laogai è probabilmente anche la fonte di molti prodotti contraffatti di fabbricazione cinese.
Applicando la loro legge che vieta l’importazione di beni manifatturati da detenuti, gli Stati Uniti (USA) hanno bandito dal mercato statunitense i prodotti di varie aziende di questo genere. L’UE non dispone (ancora) di una legge analoga.
Considerando che i consumatori e le imprese dell’UE devono essere protetti contro l’eventualità di acquistare inavvertitamente beni laogai, e tenuto conto delle relative risoluzioni del Parlamento europeo che condannano il sistema Laogai e del dialogo UE-RPC sui diritti umani;
1. Quali azioni intende adottare la Commissione al fine di impedire l’importazione diretta o indiretta nel territorio dell’UE di prodotti Laogai e/o fabbricati da detenuti?
2. Quando intende la Commissione iniziare a collaborare il più strettamente possibile con le autorità americane, in particolare doganali, per individuare questi beni?
3. Quali azioni intende adottare la Commissione al fine di evitare la concorrenza sleale derivante dalla violazione dei principi fondamentali dell’OIL nei campi in cui i detenuti sono forzati a produrre prodotti per il pubblico?
4. La Commissione intende sollevare tale questione delicata durante i negoziati con la Repubblica popolare cinese, al fine di ottenere un accordo reciprocamente vincolante a titolo del quale la Repubblica popolare cinese impedisca l’esportazione diretta o indiretta di merci Laogai verso l’UE e/o la loro vendita alle società di proprietà europea nella Repubblica popolare cinese?

Leggi il testo della interrogazione parlamentare originale

Leggi qui il comunicato stampa in inglese

Leggi anche Dibattito al parlamento europeo sulle merci “made in laogai”

Guarda il video del dibattito in lingua originale

Leggi gli interventi dei partecipanti al dibattito

Leggi l’articolo sull’ Euobserver


Fonte: Redazione, 17 settembre 2010

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.