Novartis, multa di 25 milioni per un caso di corruzione in Cina

Emerge dai documenti resi pubblici oggi dalla SEC che tra il 2009 e il 2013, Alcon, la filiale del gigante basilese attiva nell’oftalmologia, avrebbe corrotto i medici per favorire le vendite di medicinali.

Novartis, che a settembre 2013 aveva annunciato di aver avviato un’indagine interna per verificare se i sospetti erano reali, ha accettato la sanzione senza confermare o smentire le accuse di corruzione.

Ha accettato di pagare 25 milioni di dollari per aver violato il Foreign Corrupt Practices Act, pagando tangenti a professionisti della salute in Cina per aumentare le vendite nel periodo dal 2009-2013.

La maggior parte degli operatori sanitari in Cina lavorano in ospedali pubblici gestiti dal governo. Nel settembre 2014, un tribunale cinese ha multato la GlaxoSmithKline, con sede a Londra per 297 milioni di sterline (574 milioni di dollari), in un’indagine di 15 mesi circa le pratiche di vendita nel paese, che comprendeva accuse di corruzione dei medici.

Fonte: Corriere del Ticino, 24 mar 16

English article: Business Times, Novartis to settle SEC’s China bribe case for US$25m

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.