Non solo maiali: oltre mille anatre morte nel Sichuan

Dopo i maiali arriva il turno delle anatre. Oltre mille volatili in avanzato stato di decomposizione sono stati infatti ritrovati sulle rive di un fiume nella contea di Pengshan, nella provincia del Sichuan. Nelle scorse settimane, sempre sulle rive di un fiume, sono stati individuati circa 10mila maiali morti nella zona di Shanghai. Le anatre sono state ritrovate più di una settimana fa, ma le autorità – denunciano i residenti locali – hanno cercato di insabbiare la vicenda.
Zhang Jichuan, vice direttore per la Protezione ambientale della contea, dice che i corpi erano “puzzolenti e in decomposizione” quando sono stati individuati: “Osservando il modo in cui erano ridotte si capisce che sono morte da giorni e che non sono state buttate via dalla gente che vive qui”. Nei pressi del luogo sono state ritrovate circa 60 sacche, usate forse proprio per il trasporto degli animali.
L’enorme inquinamento che accompagna lo sviluppo economico della Cina sta decimando alcune delle razze animali più usate nel mercato alimentare, e alcuni operatori del settore temono che le carni contaminate siano comunque vendute a prezzi ridotti. Un ristoratore di Pengshan sostiene inoltre che “c’è il rischio” di inquinamento delle pozze di acqua potabile, dato che le carcasse sono ritrovate sempre ai margini di un fiume.
Per adesso le autorità del governo centrale non hanno annunciato alcun piano specifico per cercare di frenare il fenomeno, ma hanno permesso ai media di Stato di seguire la vicenda. La questione dei maiali del fiume Huangpo ha aperto la strada, e la storia delle anatre morte è al momento in tutti i telegiornali della Cina.

Fonte: Asia News, 26 marzo 2013

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.