“Noi, madri di Tiananmen”

Sono circa 150 le madri di Tienanmen. Ovvero il gruppo che raccoglie i familiari delle vittime del massacro di Piazza Tienanmen. Fu fondato nel 1991 da Ding Zilin: all’epoca era un membro del Partito e docente di filosofia all’Università del Popolo di Pechino.

rivolta in piazza tiananmen statua

Ma soprattutto madre di un ragazzo di diciassette anni, ucciso nella notte tra il 3 e il 4 giugno 1989. Oggi ha 73 anni, nel 2003 è stata anche candidata al Nobel per la pace, e continua a guidare questo movimento che ogni anno aggiorna la lista dei nomi delle vittime – a oggi sono 194 i caduti riconosciuti. Imprigionate, costrette agli arresti domiciliari e sottoposte a sorveglianza costante, le madri di Tienanmen presentano dal 1995 una petizione ai delegati del Lianghui, l’assemblea annuale che riunisce il Congresso nazionale del popolo e il Comitato centrale dell’Assemblea consultiva politica.

Chiedono che venga aperta un’inchiesta sui fatti del 4 giugno per ristabilire la verità storica, determinare le responsabilità politiche e predisporre i risarcimenti per le vittime e per i loro familiari. Fino a oggi, inascoltate. Domenica 17 maggio c’è stata una commemorazione privata per le vittime: hanno partecipato 50 familiari ma Ding Zilin e suo marito sono stati bloccati a casa dalla Polizia di Stato. Se si fossero recati alla commemorazione, la Polizia avrebbe revocato il permesso alla manifestazione.

Il Sole 24 ore, 31 maggio 2009

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.