Never again!

Ogni anno si celebra il giorno della memoria il 27 gennaio.  “Mai più” (never again!)  è il grido che esce dal nostro cuore quando leggiamo e sentiamo parlare dei lager, delle sofferenze e delle morti di uomini colpevoli solamente di essere ebrei. Quando sentiamo parlare di “lager”…abbiamo tutti un profondo senso di dolore e di inquietudine. Oltre ai lager nazisti, gli ebrei hanno dovuto soffrire la persecuzione sovietica. Quanti ebrei sono morti nei Gulag Sovietici? A Kolyma, Vorkuta, Pekora o nel centro concentrazionario di Karaganda dove vi erano 75 campi e dove sono morti uccisi molti ebrei? A Karaganda è stato eretto un Monumento a tutti i martiri dei Gulag dove è scritto “Questa terra è intrisa di sangue e coperta dalle ossa dei morti”. Per questo nel sentire di questi crimini noi gridiamo “Mai più!”. Mai più deve accadere che uomini, per qualsiasi ragione, di razza, classe o altro, vengano internati, torturati ed uccisi in campi di concentramento o di lavoro forzato. “Mai più” è il nostro grido da quando i lager nazisti sono stati denunciati al mondo. Però, non abbiamo fatto nulla per impedire che ciò accadesse di nuovo. Dopo la seconda guerra mondiale milioni e milioni di russi, ucraini, polacchi, lituani, lettoni, tedeschi e di altre nazionalità  sono morti nei Gulag. In Italia non era “politicamente corretto” parlare dei crimini sovietici. Perchè? Oggi, nel 2010, vi sono ancora campi di concentramento in funzione ed in espansione: sono i Laogai, i campi di concentramento della Cina comunista dove, dal 1949, sono morte 20 milioni di persone e dove ancora oggi, i detenuti sono costretti al lavoro forzato e molti muoiono sotto tortura o mediante esecuzione capitale (vedi www.laogai.it).  I Laogai sono il sistema concentrazionario piu’ grande della storia. Piu’ grande dei Lager dei Savoia, dei campi inglesi in Sud Africa, dei lager nazisti, dei gulag sovietici e dei campi degli alleati dopo la seconda guerra mondiale dove sparirono due milioni di civili e militari tedeschi. Non dimentichiamo i milioni di martiri dei Lager, dei Gulag e dei Laogai. Basta con i campi di concentramento! Che tutti i campi vengano chiusi! Non permettiamo la continuazione di questi crimini! Sono convinto che il male non può trionfare ma affinché ciò avvenga è necessario che tutti gli uomini e donne di buona volontà agiscano affinché la sofferenza ed il martirio delle vittime dei campi non siano stati vani. È per le decine di milioni di vittime del nazismo e del comunismo, spesso sacrificate sull’altare del dio profitto, che noi dobbiamo agire! In nome di tutti coloro che non possono più parlare.
Toni Brandi

Qui di seguito il pdf con l’articolo odierno di Toni Brandi sulle pagine nazionali di E Polis:

I lager del ventunesimo secolo_Il Bergamo

I lager del ventunesimo secolo_Roma

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.