Nell’azienda-lager gestita da cinesi a Perugia: senza contratto, senza orari, costretti a vivere nel magazzino come “polli in gabbia”.

Non pagano tasse, non rispettano le regole e il benessere dei loro lavoratori – spesso clandestini e rigorosamente assunti in nero – in questa maniera battono la concorrenza del made in Italy potendosi permettere prezzi dopati al ribasso.

Un esposto anonimo inviato a tutte le forze dell’ordine della città e alla Polizia Municipale su alcune presunte anomalie ad un impianto di riscaldamento di una ditta tessile a Santa Andrea delle Fratte ha permesso di portare alla luce una sorta di azienda lager dove si lavorava anche 12 ore al giorno, clandestini e persino richiedenti asilo erano impiegati in nero – solo uno assunto regolarmente – e come se non bastasse tutto questo erano stati realizzati dei dormitori promiscui dove passare la notte o le poche ore di riposo. Scoperti anche una cucina fatiscente e due bagni in condizioni igieniche drammatiche. Nonostante le immense ricchezze incamerate negli ultimi vent’anni, alcuni imprenditori cinesi continuano a mettere in piedi aziende-lager dove si sfruttano lavoratori e non si pagano le tasse dovute allo Stato che li ospita.

La scoperta è stata fatta da una task-force formata da Polizia di Stato, Arma dei Carabinieri, Polizia Municipale e Vigili del Fuoco e personale dell’Asl. I poliziotti hanno scoperto 6 camere ricavate all’interno di un soppalco dove erano stati organizzati 14 giacigli occupati, in quel momento, da sei cittadini cinesi 4 donne e due uomini. Nei locali al piano terra c’era un locale adibito a cucina in pessime condizioni igieniche e due bagni, dei quali uno privo di aerazione oltre ad un altro dormitorio, ricavato in un locale privo di aerazione e promiscuo ad uno spazio attiguo e comunicante adibito a magazzino.

Dalle verifiche effettuate dal Nucleo Carabinieri Ispettorato del Lavoro e dal personale dell’Ispettorato territoriale del lavoro è emerso che tra tutte le persone presenti nel laboratorio, solo un cittadino cinese del ’76 risultava regolarmente assunto. Il titolare e la moglie – cinesi anche loro – sono stati denunciati a piede libero per concorso in impiego di cittadini stranieri irregolari nonché per favoreggiamento dell’immigrazione clandestina. Inoltre l’uomo è stato indagato per resistenza a pubblico ufficiale per essersi sottratto al controllo allontanandosi dall’azienda senza tornare dandosi così alla latitanza.

Perugia Today,24 febbraio 2017

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.