Nel 2010 in Italia cento eventi dedicati alla Cina

A settembre 2010 inizierà l’Anno della Cina in Italia, che si concluderà dopo 12 mesi e oltre cento eventi distribuiti tra Roma, Milano e una ventina di città italiane.

Spettacoli dell’Opera di Pechino, danze tradizionali cinesi, incontri di Kung Fu, ma anche opportunità di scambi economici, turistici e scientifici. A settembre 2010 inizierà l’Anno della Cina in Italia, che si concluderà dopo 12 mesi e oltre cento eventi distribuiti tra Roma, Milano e una ventina di città italiane. L’iniziativa, che prende vita dopo il successo dell’Anno dell’Italia in Cina nel 2006, è stata confermata con uno scambio di lettere tra il presidente cinese Hu Jintao e il premier italiano Silvio Berlusconi e annunciata in conferenza stampa dall’ambasciatore della Repubblica popolare cinese in Italia, Sun Yuxi. La ‘Direzione lavori’, per la parte italiana, è stata affidata all’ex ministro della Cultura, Giuliano Urbani. Sponsor chiave è la Fondazione Italia-Cina di Cesare Romiti. D’altra parte, i “rapporti tra Cina e Italia stanno vivendo il periodo migliore nella storia”, ha sottolineato Sun Yuxi, ricordando che il turismo cinese in Italia è in aumento. Nel 2008 sono stati 380mila i cinesi che hanno visitato il nostro Paese, il 26% in più dell’anno precedente, anche se – ha ricordato il diplomatico – le procedure per i visti sono ancora un po’ rigide. Con l’ambasciatore italiano a Pechino, Riccardo Sessa, ha sottolineato, si stanno studiando “molti provvedimenti per semplificare le procedure”.

Fonte: Travelnostop, 11 gennaio 2010

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.