Nei momenti in cui si celebrano le feste in famiglia, molte di loro vengono fatte a pezzi

La Festa di metà autunno è una celebrazione importante praticata dal popolo cinese il 15° giorno dell’ottavo mese del calendario lunare. Si dice che quella notte la luna, simbolo di unità familiare, sia più luminosa e più rotonda. Tuttavia, per molti praticanti del Falun Gong e per le loro famiglie, questo giorno è triste perchè è forte il ricordo della separazione. A causa della persecuzione del Falun Gong attuata dal Partito Comunista Cinese (PCC) alcuni di loro hanno trascorso la festa senza i loro cari, mentre altri si sono visti strappare via i loro famigliari proprio in quel giorno.

Genitori scomparsi, coppie separate

Il signor Ma Haiqing, praticante del Falun Gong della Mongolia interna, in tre anni si è dovuto nascondere e trasferire 16 volte per evitare di essere arrestato. “Quando è arrivato l’autunno, speravo di andare a trovare la mia famiglia! Ma tutto quello che potevo fare era di intrufolarmi nella scuola di mio figlio per dargli un paio di “torte della luna”. Quando mio figlio mi ha visto, il suo viso si è irradiato. Il suo era un sorriso sincero perché ha visto ancora una volta quanto suo padre lo amasse. Ma sapevo che mio figlio doveva andare. In quel momento il mio cuore si è rotto guardandolo mentre si allontanava… “. Poi nel 2005 il signor Ma è stato arrestato e condannato a nove anni di carcere.

Alla Festa di metà autunno nella provincia dello Shanxi del 2009, Yuanyuan di soli 5 anni, stava piangendo tra le braccia di sua madre. Era triste perchè non vedeva suo padre da sei mesi. “Mamma ha cercato papà dovunque. Papà è nella prigione di Qishan e non possiamo vederlo.” Quello che la piccola Yuanyuan non sapeva era che suo padre, il signor Hu Hongke un praticante del Falun Gong, era stato condannato a quattro anni di carcere e che non sarebbe stata in grado di vederlo per anni.

La figlia di un medico ha descritto come è diventata paurosa e solitaria dopo che i suoi genitori sono stati arrestati e portati via. “Sono l’unica rimasta a casa e mi spavento facilmente. Dopo che i miei genitori se ne sono andati, la solitudine e la paura mi hanno sopraffatto. Ho passato da sola la maggior parte delle vacanze. Alla Festa di metà autunno tenevo una torta di luna in mano e guardando la luna pensavo al mio papà e alla mia mamma. Molte notti mi sono chiesta: “Abbiamo fatto qualcosa di sbagliato? Non abbiamo semplicemente detto la verità? E sostenuto una vera fede? Come cittadini non abbiamo il diritto alla libertà di credo? Il Falun Gong è buono, quindi perché è perseguitato?”.

Nel marzo del 2015 il signor Yang Hong e la signora Jiang Yahui sono stati arrestati a Tianjin . Il giorno della Festa di metà autunno, questa giovane coppia detenuta nello stesso centro di detenzione, sono stati autorizzati solo a guardarsi senza poter parlare, divisi dalle recinzioni a parecchie metri di distanza. Si sono incontrati sei mesi dopo in un’aula del tribunale, quando le autorità li hanno messi sotto processo.

Arresti durante la festa

La polizia ha arrestato vari praticanti il giorno stesso della Festa di metà autunno.

In un giorno del 1999 la signora Qi Shuying nella provincia dell’Hebei è stata arrestata. “Mia figlia aveva solo tre mesi di vita. Durante le 15 ore del mio arresto ha pianto per tutto il tempo, finché stanca, si è addormentata. In seguito si è svegliata dalla fame e ha pianto fino ad essere esausta. Mia sorella ha provato in tutte le maniere, ma lei non smetteva di piangere”.

Nel 2001 più di dieci membri del governo nella provincia dello Shandong sono andati ad arrestare la signora Fu Caixia. Il giorno della Festa di metà autunno hanno fatto irruzione in casa sua, ma la praticante è riuscita a fuggire. La donna è rimasta nascosta per sei mesi.

Il giorno della Festa di metà autunno del 2003 la polizia è andata ad arrestare la signora Li Yingxuan, nella provincia dello Liaoning. Per sfuggire agli agenti la donna è saltata fuori dal secondo piano. L’impatto è stato così violento da farla sanguinare dagli occhi, dalla bocca, dalle orecchie e dal naso. La polizia se ne è andata per paura che sarebbe morta. La sua famiglia ha speso 20.000 yuan in spese mediche per prendersi cura di lei. Dopo che la donna è riuscita a recuperare, nel 2004 è stata arrestata e perseguitata fino al punto di morte.

Nel 2004 il signor Bai Sanyuan nella provincia del Gansu è stato arrestato e ammanettato. Gli agenti di polizia si appoggiavano alle manette dell’uomo per ferirgli i polsi. Il signor Bai è stato più volte arrestato e detenuto. Una volta è stato condannato a tre anni di carcere e torturato quasi fino alla morte, per due volte.

Il giorno della Festa di metà autunno del 2007 la polizia è andata ad arrestare il signor Fu Lingjun nella provincia dell’ Hubei. “Mia moglie era incinta di otto mesi. Gli agenti hanno usato una tale violenza, che dallo spavento mia moglie è stata così male da dover andare in ospedale per un parto prematuro”.

La persecuzione del PCC ha distrutto le vite dei praticanti del Falun Gong e dei loro familiari. Il marito di Li Yingxuan una volta ha detto: «Ciò che voi sopportate è una tortura fisica, ciò che io sopporto è una tortura mentale. Quest’ultima non è meno dura da sopportare!” In seguito è deceduto a causa di ripetute molestie da parte delle autorità.

“Non portare via la mia mamma! Torna mamma! ” Ha gridato un bambino di tre anni nella provincia del Liaoning, la sera della Festa di metà autunno del 2013, quando otto agenti di polizia hanno portato via la signora Guo Hairong. Nonostante gli appelli del bambino, la polizia l’ha arrestata. Nel corso dei tre giorni successivi il ragazzino non avrebbe lasciato uscire di casa nessuno in famiglia. Se qualcuno lo faceva, lui gridava: “Torna indietro! Torna subito!”.

(*)GLOSSARIO

Versione inglese


Fonte: clearharmony, 19 ott 16

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.