Nascosto in bella vista: il lavoro forzato che costruisce la Cina

La coercizione invisibile attraverso i salari trattenuti, la mancanza di contratti di lavoro e la discriminazione dei lavoratori migranti è molto diffusa nel settore delle costruzioni in Cina. Per la maggior parte delle persone, il capodanno cinese equivale a sfilate colorate e incredibili fuochi d’artificio, ma a fine anno i lavoratori edili in Cina sono soprattutto preoccupati per la domanda: “verrò pagato quest’anno”? Migliaia no.

Centinaia di migliaia di persone ricevono qualcosa che non è nemmeno vicino al salario promesso. Le proteste per arretrati salariali sono andate a gonfie vele nei mesi precedenti.

Accadono anche attacchi ai datori di lavoro, anche se meno frequenti, come quando l’ingegnere Cato, 31 anni, ha pugnalato il suo datore di lavoro in una discussione sulla sua retribuzione nel novembre 2017. Ogni anno vengono registrati sempre più casi di suicidio dei lavoratori e di omicidi del datore di lavoro. Gli arretrati salariali e il debito sono diventati uno dei motivi più comuni nei casi di omicidio.

Gli arretrati salariali nel settore delle costruzioni rappresentano oltre un terzo di tutte le proteste in Cina registrate e pubblicate online dal China Labor Bulletin, un’organizzazione con sede a Hong Kong. Molte relazioni hanno documentato l’enorme portata degli stipendi trattenuti e la mancanza di pagamenti. Un sondaggio di 10.000 questionari di Little Bird, un’organizzazione non governativa cinese del lavoro, ha concluso che oltre il 75% dei lavoratori edili percepiva, o si aspettava di ricevere, salari meno frequenti di quelli semestrali. La maggior parte sperava di essere pagata alla fine entro la fine dell’anno, nonostante la legislazione stabilisse che il salario doveva essere pagato su base mensile.

Il settore edilizio cinese conta 55 milioni di lavoratori secondo le statistiche ufficiali. I migranti rurali comprendono la stragrande maggioranza. Si stima che la metà di tutti i lavoratori edili sia stata privata del pagamento almeno una volta nella vita, secondo studiosi e gruppi di lavoro cinesi.

“Molti lavoratori sono costretti a prendere accordi irragionevoli quando i loro stipendi vengono trattenuti”, ha detto Michael Ma, un responsabile di progetto in SACOM, un’organizzazione con sede a Hong Kong che lo scorso anno ha rivelato stage studenteschi forzati tra i maggiori produttori di elettronica del mondo. “I lavoratori non hanno altra scelta che accettare le condizioni a disposizione o essere licenziati e perdere mesi di paga”.

La mancanza di contratti di lavoro è diffusa e gli straordinari eccessivi e illegali sono abbondanti. In innumerevoli cantieri, i lavoratori non retribuiti dipendono dai datori di lavoro per l’alloggio e il cibo. Spesso i lavoratori migranti mancano di reti locali e sono sistematicamente discriminati quando accedono ai servizi sociali e altri tipi di supporto quando lavorano in cantieri lontani dalle loro città rurali. Secondo l’Organizzazione Internazionale del Lavoro, tali questioni sono indicatori del lavoro forzato.

“Trattenere i salari contiene un elemento coercitivo sostanziale di per sé. In altre industrie e paesi, tali condizioni combinate sono dibattute come potenziali indicatori del lavoro forzato”, ha affermato Matt Friedman, ex dirigente regionale dell’ONU per la lotta alla tratta in Asia. “Quando il salario viene trattenuto, quanto sei incline a lamentarti del lavoro extra non pagato, degli straordinari registrati non corretti, degli alloggi scadenti e tanto meno della mancanza di pagamenti mensili per molti mesi? Il rischio di essere licenziati è molto reale e quindi la speranza di essere pagati alla fine è persa per sempre”.

Traduzione a cura della  Laogai Research Foundation Onlus


Fonte: Opendemocracy.net, 18 feb 18

English article: Hidden in plain sight: forced labour constructing China

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.