Napoli, denunciata falsa ginecologa cinese

La donna, 35 anni, aveva allestito uno studio medico in piazza Garbinaldi, nei pressi della propria abitazione. La finta dottoressa prescriveva visite specialistiche e vendeva farmaci “in nero per indurre l’aborto“.

NAPOLI – Nonostante non ne avesse i titoli, aveva aperto un ambulatorio medico ginecologico clandestino nella propria abitazione nei pressi di piazza Garibaldi nel quale venivano curate pazienti di nazionalità cinese. Per questo i carabinieri hanno denunciato una donna 35enne cinese, incensurata, per esercizio abusivo di professione, allestimento abusivo di laboratorio medico chirurgico e importazione illecita di medicinali da paesi extraeuropei.

LO STUDIO – Lo studio medico “in nero” era stato allestito in pieno centro da diversi mesi. La finta dottoressa formulava diagnosi, prescriveva visite specialistiche ed iter terapeutico e vendeva i farmaci necessari per le cure. Durante l’operazione dei carabinieri è arrivata nell’abitazione-studio anche una paziente che voleva sottoporsi a una visita medica.

ABORTI CLANDESTINI – Gli investigatori hanno così perquisito lo studio, rinvenendo e sequestrando un considerevole quantitativo di farmaci di vario genere, molti dei quali di provenienza cinese. Tra questi, alcune confezioni di medicinali contenenti componente chimico idoneo anche a indurre l’aborto entro i primi due mesi di gestazione, alcuni ferri per uso chirurgico e due apparati per ecografia con cinque litri di gel ecografico.

IL BLITZ – Nello “studio” sono stati sequestrati 35 chilogrammi di farmaci italiani di varie tipologie, tra cui antibiotici per infezioni uro-genitali femminili, la cui provenienza è in fase accertamento; 46 chili di farmaci cinesi, tra cui medicinali vietati in Italia, specifici per l’aborto chimico e l’induzione del travaglio, 18 chilogrammi di soluzione salina, 76 chili di bottiglie per flebo e numerosi accessori medici (aghi, siringhe, lacci emostatici, filodesflussori), documentazione contabile e analisi cliniche. Recuperate, inoltre, fotocopie di documenti d’identità intestati a diversi connazionali e 4.492 euro in contanti. Il tutto nascosto in un’intercapedine tra i muri. Per il laboratorio sono scattati i sigilli.

(da Napoli Today,17/04/2015)

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.