Scrittore tibetano condannato a 90 mesi di carcere

Le autorità cinesi della nella Prefettura Autonoma di Ngaba hanno condannato lo scrittore tibetano Kanyag Tsering, monaco al monastero di Kirti, a sette anni e mezzo di carcere.

Lobsang Jamyang, il cui pseudonimo è Lomik, è stato arrestato dalla polizia per le strade della città della contea di Ngaba il 17 aprile 2015 ed è stato trattenuto per più di un anno senza processo e senza informare la sua famiglia di dove si trovasse.

Si è appreso oggi che è stato condannato a sette anni con l’udienza che si è svolta presso la corte della contea di Wenchuan.

Figlio di Jodor e Jamkar, Lomik si era unito al monastero di Kirti in giovane età, e studiava nella classe di Prajnàpàràmità.

Ha preso parte ai corsi part-time non religiosi del monastero di Larung Gar in Serta e del Northwest Minorities University di Lanzhou. Ha partecipato a molti eventi e ha scritto numerose poesie e commenti sociali, anche per quanto riguarda la libertà di espressione per gli scrittori in Tibet. Una raccolta delle sue poesie era stata pubblicata con il nome “la vorticosa nebbia gialla”.

Traduzione a cura della LRF

Fonte: Phayul.com, 10 mag 16

English article: Monk writer sentenced to 90 months’ imprisonment

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.