Moglie del regista tibetano incarcerato cinque anni fa si appella per il rilascio del marito.

Dharamsala, 6 Ottobre – Lhamo Tso la moglie del regista tibetano Dhondup Wangchen Mercoledì p.v presenterà un appello per il rilascio di suo marito al consolato Cinese di San Francisco. Sarà accompagnata dall’attore hollywoodiano Peter Coyote.

La Signora Lhamo vuole cogliere l’occasione del compleanno del marito il 17 Ottobre per avviare una nuova campagna di sensibilizzazione con la collaborazione di Bay Area Fiends of Tibet, California.

Durante un video reportage Lhamo Tso ha dichiarato cha da oltre cinque annii suoi amici, i genitori son in attesa della sua liberazione.

Dhondup sta scontando l’ultimo anno della sua condanna, ma c’è una grande ansia e la paura nei cuori dei membri della sua famiglia. I motivi di queste preoccupazioni vanno ricercati nel cattivo stato di salute di numerosi prigionieri rilasciati quest’anno.

Molti di loro sono gravemente malati “La ragione per la nostra paura è la situazione dei numerosi prigionieri rilasciati quest’anno. La moglie lancia un appello a tutti noi per sostenere lei e suo marito.

Il regista tibetano detenuto in carcere è uno dei quattro giornalisti del gruppo della libertà di stampa mondiale. Lo scorso anno è stato insignito con l’International Press Freedom Awards con la motivazione “ A rischio della propria vita e libertà rivela gli abusi di potere e violazioni dei diritti umani “

Dhondup Wangchen ha realizzato il Film-documentario “Leaving Fear Behind” che ritrae uno spaccato di vita in Tibet prima delle Olimpiadi del 2008 a Pechino. Fu arrestato il 26 Marzo 2008 per aver filmato delle interviste rilasciate da alcuni Tibetani che esprimevano il loro parere sulle Olimpiadi di Pechino, sul Dalai Lama e le politiche del governo cinese attuate in Tibet.

Quando il suo film-documentario è stato esportato all’estero, il regista tibetano è stato arrestato.

Wangchen è stato condannato a sei anni di carcere per “sovversione” il 28 dicembre 2009 a fu processato segretamente. Nel gennaio 2010, gli è stato negato appello.

In carcere Wangchen ha contratto l’epatite B che lo portato in uno stato di cattiva salute.

Il Film documentario di Wangchen segue i viaggi delle moglie all’estero in un’opera di sensibilizzazione, è stato proiettato In oltre 30 Paesi.

Dopo aver subito duri mesi di isolamento nel campo di lavoro forzato di Xichuan in Siling, Tibet orientale, Dhondup è stato spostato al carcere femminile all’inizio di quest’anno.

Traduzione e editing Gianni Taeshin Da Valle.

Phayul.com, 06/Ottobre/2013

English Version:

http://www.phayul.com/news/article.aspx?id=34081&t=1

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.