Migrante si uccide perché gli negano i salari arretrati

Liu Dejun, operaio generico e migrante dell’Hebei, si è ucciso ingerendo pesticida, dopo che il datore di lavoro si è rifiutato di pagargli 3.200 yuan (circa 358 euro) di stipendi arretrati. Per l’uomo era troppo vergognoso tornare a casa nella contea di Xinglong per il Nuovo Anno Lunare, dove era atteso dalla figlia di 11 anni e da 2 sorelle, senza portare loro i soldi per vivere i prossimi mesi. Il 16 gennaio Liu ha ingerito 70 grammi di paraquat, un pesticida molto tossico, ma la sua agonia è durata fino al 29 gennaio. Sino a novembre aveva lavorato per la ditta di un certo Wang Hai nella contea di Yutian, che lo stesso 16 gennaio si è rifiutato di pagare gli arretrati. L’agenzia statale Xinhua riporta che ora Wang ha promesso di dare 260mila yuan alla famiglia di Liu per indennizzo. I migranti cinesi spesso lavorano e vivono l’intero anno lontani da casa, dove tornano solo per la festa del Nuovo Anno Cinese. La famiglia di Liu si era indebitata per pagare cure sanitarie e aveva bisogno di questi soldi per vivere. Nella Cina comunista non è raro che le imprese “derubino” gli operai dei salari arretrati. Secondo dati ufficiali, alla fine del 2006 nella sola Pechino c’erano 1,63 miliardi di yuan di paghe arretrate dovute a circa 800 mila migranti. Ma il problema è nazionale: dati ufficiali parlano alla fine del 2006, ad esempio, di 1,84 miliardi di yuan (236 milioni di dollari) di paghe dovuti a oltre un milione di migranti nel Guangdong e di 130 milioni dovuti a 130 mila migranti nel Gansu. Ci sono ogni anno numerose cause e ci sono pure stati suicidi o omicidi per litigi sui salari arretrati. A settembre nel solo Shaanxi almeno 114 migranti sono stati malmenati per ordine dei datori di lavoro, quando hanno chiesto i salari arretrati. Anni fa per i lavoratori era persino difficile ottenere giustizia, ma negli ultimi anni lo Stato ha iniziato a dare loro maggior tutela. Il 4 febbraio almeno 5 uffici del Consiglio di Stato hanno sollecitato maggiore sorveglianza e intervento degli uffici locali per “prevenire litigi” per i salari tra imprese e dipendenti, in occasione del Nuovo Anno Lunare quanto centinaia di milioni di migranti tornano a casa. E’ stato indicato ai governi locali di “pagare subito” i salari arretrati e rivalersi poi sull’impresa inadempiente. Esperti osservano che il problema potrà risolversi solo assicurando maggiori diritti ai lavoratori migranti (vedi AsiaNews del 22.1.2010, Due terzi dei migranti cinesi lavorano in nero, e del 14.1.2008, Migranti cinesi, braccia da lavoro senza paga e senza diritti) e consentendo loro di avere sindacati nelle fabbriche indipendenti dal sindacato nazionale statale, organo del Pc che cura gli interessi dello Stato prima di quelli dei lavoratori.

Fonte: Asia News, 7 febbraio 2011

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.