Messaggio di aiuto di prigionieri rinchiusi nel laogai a Shanghai trovato da una bimba di 6 anni nelle cartoline di Natale

Florence Widdicombe, di Tooting, nel  sud di Londra, è stata sconvolta  quando ha aperto la nuova scatola di carte di beneficenza per inviare ai suoi amici quando ha scoperto un messaggio  scarabocchiato all’interno di prigionieri rinchiusi in un laogai a Shanghai.

La prigione di Qingpu di Shanghai ospita principalmente prigionieri stranieri.

Il Sunday Times riporta ” Si ritiene che sia stato scritto da un prigioniero straniero che ha imballato  le carte di Natale in scatole nel gulag di Shanghai”

All’interno di una carta, con un simpatico gattino con un cappello da Babbo Natale sul davanti, diceva: “Siamo prigionieri stranieri nella prigione di Shanghai in Cina.

“ Siamo costretti a lavorare contro la nostra volontà. Aiutateci e avvisate l’organizzazione dei diritti umani. “

Il messaggio disperato del prigioniero con la calligrafia modificata per proteggere la sua identità

 

Tesco ha ritirato dalla vendita le cartoline di Natale con i gatti e cappellini di Babbo Natale e ha avviato una indagine

 

Il padre di Florence, Ben, ha dichiarato: “Quando ho letto il messaggio, non volevo credere e ho pensato che fosse uno scherzo. Decisi che sarebbe stato “sbagliato non  mettere al corrente il destinatario del messaggio e che deve essere stato molto rischioso per quei prigionieri. “

Costretti a lavorare contro la nostra volontà. Aiutateci e avvisate l’organizzazione dei diritti umani

Nota Dallo Schiavo In Cina

La nota chiedeva  di passarlo al giornalista Peter Humphrey che era stato rinchiuso nel laogai di Qingpu per nove mesi nel 2015.

Il giornalista gli ha riferito che le autorità hanno censurato i contatti dei detenuti con il mondo esterno in modo da non poter rivelare il lavoro degli schiavi.

Un altro ex prigioniero gli ha detto che  “Stanno confezionando cartoline di Natale per Tesco, e anche tag regalo Tesco, da almeno due anni”.

“I prigionieri stranieri impacchettano le cartoline di Natale., le raccolgono dai disegni diversi, le mettono in scatole, le sigillano e le imballano in scatole di spedizione. “

La scoperta scioccante ha sollevato domande preoccupanti sulla relazione di Tesco con i suoi fornitori cinesi e sul loro uso del lavoro forzato in prigione.

Le carte benefiche del gigante del supermercato quest’anno incasseranno 300.000 euro per la British Heart Foundation, Cancer Research UK e Diabetes UK.

Jeremy Lune, amministratore delegato di Cards for Good Cause, ha dichiarato: “Esistono organizzazioni benefiche per aiutare le persone, non per metterle sotto pressione”.

Tesco ha ora ha aperto una indagine e ha sospeso la commissione alla fabbrica.

Ha riferito che la fabbrica di Shanghai che ha stampato le carte “è stata verificata in modo indipendente il mese scorso e non è stata trovata alcuna prova che indicasse una violazione della nostra norma che vieta l’uso del lavoro in prigione”.

Un portavoce ha affermato che la società ha un “sistema di controllo completo in atto” e ha aggiunto: “Non permettiamo l’uso del lavoro carcerario nella nostra catena di approvvigionamento”.

Traduzione a cura di Arcipelago Laogai: in memoria di Harry Wu

Fonte: The Sun,22/12/2019

English article:

‘PLEASE HELP US’ Girl, 6, finds note in Tesco Christmas cards from ‘slave’ in Chinese prison factory pleading for help 

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.