Maxi sequestro in quattro negozi cinesi: ‘Prodotti pericolosi e illegali’

I militari della Guardia di Finanza di Monza hanno passato al setaccio quattro negozi di Giussano e Brugherio gestiti da cinesi. Sequestri per due milioni e mezzo, multe da mezzo milione e due denunce.

Nella foto:sequestri e multe della guardia di finanza (repertorio)

Capi di abbigliamento, occhiali da vista, casalinghi, bigiotteria, cancelleria, prodotti per la cura della persona e tanto altro. Tutto materiale illegale e potenzialmente dannoso.

Il gruppo guardia di finanza di Monza, che ha intensificato i controlli per Expo 2015, ha sequestrato due milioni e mezzo di articoli pronti ad essere venduti illecitamente in tutta la provincia monzese e brianzola.

Nel mirino della Gdf sono finiti quattro negozi di Giussano e Brugherio, gestiti da persone di nazionalità cinese. All’interno dei locali, i militari hanno trovato esposti e in vendita prodotti di vario genere assolutamente illegali.

Nessuna etichetta ad indicare la provenienza, assenza totale di informazioni sulla composizione, nessuna avvertenza: tutta merce, quindi, non sicura in base al codice che tutela i consumatori.

Nel corso del servizio, i militari hanno identificato alcuni lavoratori risultati completamente in nero. per uno di loro è scattata anche la denuncia per il reato di immigrazione clandestina. Mentre uno dei titolari è stato segnalato alla procura della Repubblica per aver impiegato personale irregolare sul territorio italiano.

I finanzieri hanno verbalizzato violazioni per l’omessa tenuta del registro degli infortuni e diverse mancate emissioni degli scontri fiscali. Per uno dei quattro negozi, la guardia di finanza ha chiesto all’agenzia delle entrate la chiusura del negozio.

Gli stessi finanzieri hanno contestato sanzioni amministrative per mezzo milione di euro a carico dei titolari dei quattro negozi.

Monza Today,05/05/2015

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.