Mantova-Rodigo: clandestini al lavoro, arrestate due cinesi e chiuso il laboratorio

Sotto sequestro stabile e merce per 140mila euro. Maxi multa da 40mila euro

RODIGO. I carabinieri di Gazoldo degli Ippoliti con i colleghi di Castel Goffredo, Piubega, Ispettorato del Lavoro di Mantova e Polizia Locale hanno arrestato per i reati di “trarre un ingiusto profitto favorendo la permanenza nel territorio italiano di cittadini stranieri e sfruttamento di manodopera clandestina”, due donne cinesi di 39 anni, una titolare di un laboratorio tessile della zona e l’altra responsabile del reclutamento della manodopera.

Il laboratorio sequestrato

Durante un controllo compiuto, i militari hanno identificato 12 lavoratori, di cui 5 sono risultati irregolari sul territorio nazionale. Questi sono stati sottoposti a foto-segnalamento ed  è stato consegnato loro il biglietto d’invito di presentazione agli uffici della Questura di Mantova, per avviare la procedura di espulsione dallo Stato.

All’interno del laboratorio è stato rinvenuto materiale del valore complessivo di 140.000 euro, lo stabile ed il materiale è stato posto sotto sequestro penale e affidato in custodia giudiziaria alla proprietaria dell’immobile. Il personale del Nucleo Ispettorato del Lavoro, ha provveduto alla sospensione dell’attività imprenditoriale, contestando violazioni amministrative per un importo complessivo di 40.000 euro.

Le due donne arrestate, dopo le formalità di rito, sono state accompagnate al loro domicilio in attesa del rito direttissimo come disposto dall’Autorità Giudiziaria.

Nel contesto dell’attività di repressione della manodopera irregolare e clandestina, operante nel cosiddetto “distretto della calza”, l’Arma mantovana dall’agosto dello scorso anno a seguito dell’istituzione della “Task-Force” costituita dalla Prefettura di Mantova, composta da appartenenti alle Forze di Polizia, Polizie locali, referenti INAIL, INPS, Camera di Commercio ed Ispettorato del Lavoro, il cui coordinamento è affidato al Comandante della Compagnia Carabinieri di Castiglione delle Stiviere, Maggiore Simone Toni, ha conseguito i seguenti risultati:

• Laboratori/aziende sottoposto a controlli nr. 21;

• Laboratori/aziende destinatari di provvedimento di sospensione di attività nr.10;

• Totali lavoratori identificati nr. 174;

• Lavoratori irregolari sul territorio nazionale espulsi nr.16;

• Lavoratori privi di contratto di lavoro identificati nr.52;

• Totali sanzioni amministrative contestate euro 133.500;

• Totali sanzioni penali contestate euro 30.387;

• Persone deferite in stato di libertà nr. 6;

• Persone deferite in stato d’arresto nr.7.

Il Comandante Provinciale dei Carabinieri di Mantova, Colonnello Fabio FEDERICI, esprime il suo vivo apprezzamento per le brillanti operazioni di servizio e per i positivi obiettivi conseguiti, finalizzati a contrastare le situazioni di illegalità che comportano un’alterazione delle dinamiche imprenditoriali a svantaggio delle imprese virtuose.

Gazzetta di Mantova,10 maggio 2017

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.