Manifestazione di 500 tibetani a Nyakchukha

Sabato 5 dicembre 500 tibetani hanno inscenato una manifestazione a Nyakchukha per chiedere la liberazione di Tenzin Delek Rinpoche e protestare contro l’occupazione cinese.

Oggi mi hanno riferito che il 5 Dicembre oltre 500 giovani tibetani hanno inscenato una manifestazione a Nyakchukha per chiedere la liberazione di Tenzin Delek Rinpoche e protestare contro l’occupazione cinese.
Al grido di “Tibet Indipendente” hanno cercato di raggiungere il centro cittadino ma sono stati subito attaccati dalla polizia comunista.
La popolazione è così insorta ed ha cercato di impedire l’arresto dei manifestanti che venivano selvaggiamente percossi dagli agenti cinesi.
Il primo bilancio degli scontri è di 80 feriti e 160 arresti.
La notizia degli incidenti ha fatto rapidamente il giro della Contea ed altre centinaia di giovani provenienti dalla zona di Golok e Othok hanno cercato di raggiungere in motocicletta il centro cittadino per unirsi ai rivoltosi ma sono stati a loro volta attaccati dalla polizia cinese e arrestati.
Le truppe di occupazione hanno poi creato posti di blocco ad ogni incrocio.
Molti giovani tibetani sono riusciti ad aggirarli fuggendo verso la campagna circostante mentre altri che cercavano di sfuggire all’arresto sono stati poi bloccati in una vallata non lontana dal centro della Contea.
A Nyakchukha e Lithang i comunisti hanno decretato la legge marziale.

Mila
Corrispondente di Dossier Tibet dai Territori Occupati

Fonte: Dossier Tibet, 8 dicembre 2009

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.