- Arcipelago Laogai - https://www.laogai.it -

Manifestanti tibetani detenuti vengono picchiati, derubati e poi rilasciati

Un gruppo di lavoratori tibetani, arrestati l’8 aprile dopo aver protestato per la perdita dei loro posti di lavoro in circostanze poco chiare, sono stati picchiati e derubati dalla polizia cinese prima di essere rilasciato due giorni dopo.

Il gruppo di 29 persone sono stati presi in custodia dopo essersi raccolti di fronte agli uffici governativi a Machu (in cinese Maqu) contea di Kanlho nella Prefettura Autonoma Tibetana.

“In seguito sono stati picchiati dalla polizia, che ha anche danneggiato e confiscato i loro telefoni cellulari e hanno portato via i loro anelli d’oro. I manifestanti chiedevano un risarcimento per le perdite e i danni alle loro proprietà,” ha dichiarato una fonte di RFA, parlando in condizione di anonimato.

“I [manifestanti] sospettano che al loro appello per il loro lavoro sia stato dato un senso politico e che le autorità stiano ora facendo del loro meglio per danneggiare le loro prospettive future”, ha affermato la fonte, aggiungendo che i lavoratori licenziati hanno spiegato che non avevano motivazioni politiche dietro la loro protesta.

“Erano lì solo per chiedere che il loro lavoro fosse ripristinato”, ha detto.

Traduzione a cura della LRF


Fonte: Radio Free Asia, 19 apr 16

English article: Detained Tibetan Protesters Are Beaten and Robbed, Then Released [1]