Manifestanti tibetani detenuti vengono picchiati, derubati e poi rilasciati

Un gruppo di lavoratori tibetani, arrestati l’8 aprile dopo aver protestato per la perdita dei loro posti di lavoro in circostanze poco chiare, sono stati picchiati e derubati dalla polizia cinese prima di essere rilasciato due giorni dopo.

Il gruppo di 29 persone sono stati presi in custodia dopo essersi raccolti di fronte agli uffici governativi a Machu (in cinese Maqu) contea di Kanlho nella Prefettura Autonoma Tibetana.

“In seguito sono stati picchiati dalla polizia, che ha anche danneggiato e confiscato i loro telefoni cellulari e hanno portato via i loro anelli d’oro. I manifestanti chiedevano un risarcimento per le perdite e i danni alle loro proprietà,” ha dichiarato una fonte di RFA, parlando in condizione di anonimato.

“I [manifestanti] sospettano che al loro appello per il loro lavoro sia stato dato un senso politico e che le autorità stiano ora facendo del loro meglio per danneggiare le loro prospettive future”, ha affermato la fonte, aggiungendo che i lavoratori licenziati hanno spiegato che non avevano motivazioni politiche dietro la loro protesta.

“Erano lì solo per chiedere che il loro lavoro fosse ripristinato”, ha detto.

Traduzione a cura della LRF


Fonte: Radio Free Asia, 19 apr 16

English article: Detained Tibetan Protesters Are Beaten and Robbed, Then Released

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.