- Arcipelago Laogai - https://www.laogai.it -

MANGIAUOMINI Banchetti di carne, cuori strappati e vittime mangiate VIVE – Il macabro passato cannibale della Cina è stato insabbiato dai comunisti

La raccapricciante storia recente della CINA include macabri “banchetti di carne” in cui i “nemici di classe” sono stati rimpinzati vivi, ma il Partito Comunista ha tentato di coprire gli orrori.

Testimoni hanno raccontato di spettacoli orribili di cuori, fegati e genitali delle vittime strappati e dati in pasto a festaioli rabbiosi durante la frenetica “Rivoluzione culturale” del presidente Mao Zedong negli anni ’60.

Giorni fa, celebrando il suo centesimo anniversario, il Partito Comunista – che ora ha il dominio assoluto su 1,4 miliardi di persone – ha consegnato una versione un po’ selettiva della sua storia del dopoguerra.

Desiderosa di mantenere la leggenda di Mao, la storia ufficiale non fa menzione del cannibalismo, che è il risultato diretto delle folli politiche del perverso tiranno, nonostante sia stato testimoniato dai suoi stessi cittadini.

I peggiori eccessi che ha scatenato si sono verificati durante la frenetica “Rivoluzione culturale” della fine degli anni ’60, che gli storici considerano un tentativo sottilmente velato di eliminare ogni opposizione.

Tutti i professionisti – medici, insegnanti, avvocati – furono presi di mira nella grande epurazione delle classi medie, che Mao conosceva, e temeva, potesse un giorno sfidarlo.

Ma al culmine dell’isteria estrema che scatenava contro di loro, alcune sue vittime venivano divorate in “banchetti di carne” da incubo.

Secondo quanto riferito, organi e carne umana venivano cucinati su barbecue e serviti a folle latranti.

Alcuni dei peggiori esempi di ciò sono avvenuti a Wuxuan, nell’estremo sud della regione del Guangxi, dove i cuori, il fegato ei genitali delle vittime sono stati tagliati e strappati.

In un’intervista con l’agenzia di stampa AFP, un membro di alto rango di un’indagine ufficiale segreta dei primi anni ’80 sulla barbarie sponsorizzata da Mao ha messo a nudo l’orrore.

Chiedendo di non essere nominato per paura di ripercussioni, ha detto: “Tutto il cannibalismo era dovuto all’incitamento della lotta di classe ed era usato per esprimere una sorta di odio.  L’omicidio è stato orribile, peggio delle bestie.

In un manoscritto inedito, il funzionario in pensione ha descritto i metodi di uccisione.

Ha detto: “Ci sono state decapitazioni, percosse, sepolture vive, lapidazioni, annegamenti, bolliture, massacri di gruppo, sventramenti, estirpazione di cuori, fegati, genitali, tagli di carne, esplosioni con dinamite e altro ancora, ogni metodo è stato utilizzato”.

Nel 1968 un insegnante di geografia di nome Wu Shufang fu picchiato a morte dagli studenti della scuola media di Wuxuan.

Il suo corpo pestato e sanguinante è stato portato sulle pietre piatte del fiume Qian, dove un altro insegnante è stato costretto a mano armata a strappare il cuore e il fegato del loro collega.

Tornati a scuola, gli alunni hanno grigliato e schernito con entusiasmo gli organi.

In un altro caso un insegnante  accusò una studentessa di essere “controrivoluzionaria”, ordinò che fosse uccisa e poi mangiò il cuore della giovane donna dopo aver sentito che poteva curare le malattie cardiache.

Il romanziere cinese Zheng Yi ha recentemente approfondito i rapporti sul cannibalismo. La gente del posto gli diceva che i bersagli principali erano fegati e cuori.

In alcuni casi gli organi sono stati prelevati mentre le vittime erano ancora vive.

Gli orrori della Rivoluzione Culturale sono arrivati ​​solo diversi anni dopo che la peggiore carestia della storia umana ha portato al crollo delle norme.

L’assoluta degradazione ha portato alla rottura del tabù di mangiare carne umana, anche se fosse il loro stesso figlio.

Dopo aver governato il paese per otto anni, Mao decise nel 1958 che era giunto il momento del “Grande balzo in avanti” e costrinse le persone a entrare nelle comuni agricole.

Ma invece di far avanzare il paese, l’inettitudine, la catastrofe ambientale e il terrore di stato hanno spianato la strada al cannibalismo che è stato descritto come “su una scala senza precedenti nella storia del XX secolo

[1]

I bambini sono stati rivolti contro i loro genitori

Un problema era che Mao ordinò di uccidere tutti i passeri perché mangiavano troppo grano.

Eppure gli uccelli si erano nutriti di locuste.

E una volta che furono spazzati via, gli insetti mangiatori di grano rimbombarono e spogliarono tutti i raccolti.

Ben 38 milioni di persone morirono di fame durante la carestia, che è 450 volte il numero di persone uccise dalla bomba atomica sganciata su Nagasaki alla fine della seconda guerra mondiale.

L’autore Yang Jisheng ha detto a The Guardian come ha raccolto testimonianze di cannibalismo per il suo libro Tombstone, che è vietato in Cina.

Inizialmente, Yang non credeva che fosse successo, ma quando ha intervistato le persone ha scoperto come i vicini affamati mangiassero i vicini, i genitori mangiassero i loro figli e viceversa.

La folla di predoni irruppe nelle case e uccise quelli all’interno per la poca carne sulle loro ossa.

Ha scritto: “La gente mangiava cadaveri e combatteva per i corpi.

“Nel Gansu hanno ucciso gli estranei – la gente mi ha detto che degli estranei sono passati e li hanno uccisi e mangiati.

“E hanno mangiato i loro stessi figli. Terribile. Troppo terribile.”

Lo storico Zhou Xun ha trovato un villaggio nell’estremo sud-ovest nella contea di Shizhu del Sichuan, tra il 1959 e l’inizio del 1961, la squadra investigativa del Comitato del Partito Provinciale ha scoperto che 18 abitanti del villaggio nella brigata Wawu del distretto di Qiaotou avevano consumato cadaveri.

[2]

 

Ha scritto: “Una vecchia signora di nome Luo Wenxiu è stata la prima a iniziare a consumare carne umana.”

“Ebbe luogo il 20 dicembre 1960. Dopo la morte di un’intera famiglia di sette persone, Luo dissotterrò il corpo della bambina di tre anni Ma Fahui.”

“Ha affettato la carne della ragazza e l’ha condita con peperoncino prima di cuocerla a vapore e mangiarla”.

In un’intervista con Radio Free Asia [3] , il veterano dissidente e attivista per i diritti con sede negli Stati Uniti Harry Wu, della Laogai Research Foundation, ha raccontato come le sue esperienze lo abbiano portato a convincersi che il cannibalismo si è verificato su larga scala.

Disse:

“Recentemente ho ricevuto un altro articolo. È un documento ufficiale che è stato inviato per l’inoltro a un ufficio nella provincia di Gansu. Viene mostrato l’ora e l’unità di lavoro rurale a cui appartenevano le persone, e i nomi delle persone coinvolte, e chi mangiavano e come li mangiavano.”

Eccone uno:  “Ma Waiyou, della comune di Maiji, villaggio di Xinmin. Status: contadino comune. Ha mangiato Chen Zaxi. Relazione: coniuge. Ha mangiato sua moglie. Ha dissotterrato il suo corpo e l’ha cucinato.'”

“Eccone un altro: “Yang Wenyi e Yuan Shuying del villaggio di Houxiyan insieme a… otto persone in totale, hanno dissotterrato il corpo di un bambino, l’hanno cucinato e mangiato'”.

Traduzione di Arcipelago laogai: in memoria di Harry Wu


Commento di Gianni Da Valle-Arcipelago laogai : in memoria di Harry Wu

Giorni fa la Cina ha festeggiato i suoi 100 anni di orrori e di crimini contro l’umanità. Per l’occasione il tiranno Xi Jinping ha indossato la stessa giacca di Mao con qualche piccola modifica. Una semplice coincidenza?

[4]

Il discorso commemorativo per i 100 anni della nascita del Partito comunista, quale suo segretario generale, è stato infarcito di toni aspri. La Cina non accetterà mai le “prediche ipocrite da parte di coloro che sentono di avere il diritto di impartirci lezioni”

“Stranamente” i media, i giornalisti  non hanno parlato degli orrori del passato e come appunto la carestia del Grande balzo in avanti, la violenta guerra di classe della Rivoluzione culturale del 1966-76 e dell’intervento militare del 1989 contro le proteste studentesche di Piazza Tienanmen.

Comportamenti di vero e proprio bullismo, arroganza e prepotenza in ogni contesto di questo regime che molti politici  con la loro voluta cecità  continuano ad ammirare e a citare ad esempio.

PECUNIA NON OLET è risaputo che “Il denaro non ha odore”. L’Occidente cosi “democratico” riesce a strumentalizzare ogni cosa, persino in certi casi a “giustificare” gli orrori commessi nei confronti di persone rendendosi di fatto, complice dei stessi crimini. A quale prezzo!!!!!!


Articolo in inglese, THE SUN,19/07/2021:

MANEATERS Flesh banquets, ripped out hearts & victims eaten ALIVE – China’s gruesome cannibal past the Communists covered up  [5]