Maltempo in Cina: sfollate 130 mila persone

Oltre 130.000 persone sono state evacuate e più di 550 villaggi sono stati sommersi dalle inondazioni che hanno colpito da mercoledì sera la provincia insulare meridionale cinese dello Hainan. Lo riferisce l’agenzia Nuova Cina. Quelle cominciate a cadere ieri sono le piogge più intense cadute sull’isola dal 1961, secondo un portavoce del governo provinciale. L’acqua ha raggiunto livelli molto alti in alcune dighe e bacini, nei quali squadre di soccorso stanno lavorando per mettere tutto in sicurezza e rinforzare gli argini. Anche strade e autostrade dell’isola sono state danneggiate e le autorità hanno annunciato che fino ad ora non sono registrate vittime tra i residenti, nè tra i numerosi turisti, anche stranieri, che affollano l’isola. Inondati, oltre alla capitale Haikou, anche molti resort di Sanya, piena di turisti in questi giorni in concomitanza con le vacanze per la festa della Repubblica cinese. Secondo i meteorologi, le piogge, che ieri hanno avuto il loro picco ma che hanno fatto la prima comparsa gia’ lunedi’, lasceranno l’isola solo nel fine settimana.

Fonte: Blitz Quotidiano, 7 ottobre 2010

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.