Magnate cinese dissidente condannato a 18 anni di carcere : “Provoca problemi”

Sun Dawu, un miliardario cinese allevatore di maiali e magnate agricolo, è stato condannato dopo settimane di udienze in segreto a 18 anni di carcere e a una multa di 3,11 milioni di yuan (345.000 sterline) per una serie di crimini tra cui “provocare problemi”.

Il tribunale di Gaobeidian, vicino a Pechino, ha affermato che Sun era colpevole di crimini tra cui ” chiamare a raccolta una folla per attaccare organi statali”, “ostacolare l’amministrazione del governo” e “provocare dispute e provocare problemi”, un termine generico spesso usato contro le figure dei diritti umani e dissidenti.

Sun, un sincero sostenitore e amico dei dissidenti politici cinesi, è stato arrestato l’11 novembre insieme a più di altre 20 persone, tra cui sua moglie, due figli e nuore.

Gruppi tra cui i difensori dei diritti umani cinesi (CHRD) affermano che l’accusa è un’apparente ritorsione per il lungo sostegno e le amicizie di Sun con i dissidenti cinesi, anche dopo che le campagne nazionali contro di loro hanno reso tali associazioni sempre più pericolose.

“Quando il governo viola le proprie leggi per mettere a tacere coloro che hanno i mezzi per sostenere gli impegni per la giustizia sociale e la responsabilità ufficiale, indebolisce profondamente la vitalità dell’economia cinese e le promesse dei suoi leader di governare per legge”, ha affermato Ramona Li, una ricercatrice presso CHRD, all’inizio del processo di Sun questo mese.

Sun, che ha compiuto 67 anni questo mese , è un ex allevatore di suini che ha fondato il Dawu Agricultural and Animal Husbandry Group. L’attività miliardaria conta circa 9.000 dipendenti e una città aziendale appositamente costruita che Sun, secondo quanto riferito, si è impegnato per una società rurale equa, per far ottenere ai residenti accesso gratuito o scontato a servizi sanitari, scolastici e di intrattenimento.

I risultati di Sun sono stati inizialmente lodati dai funzionari ed è diventato un rappresentante locale dell’organo di governo cinese. Ma ha anche usato il suo successo per fornire supporto ad avvocati e dissidenti per i diritti umani, ed è stato arrestato nel 2003 per le critiche pubblicate allo stato.

Secondo China Change, un’agenzia di informazione, al momento del processo Sun si è descritto come un “membro eccezionale del partito comunista” e ha negato molte delle accuse contro di lui, comprese quelle relative all’uso improprio di fondi.

Sun ha ammesso di aver commesso errori, tra cui la pubblicazione di messaggi online e errori non specificati sulla “questione della terra”.

“Il modo in cui mi stanno indagando ora sta facendo soffrire chi ci è vicino e gioire chi ci odia. Desidero assumermi le accuse, anche se gravi, in cambio del rilascio di altri. Siamo persone che hanno dato un contributo alla società”, ha detto.

Il caso arriva nel mezzo di un giro di vite su larga scala negli ultimi mesi su imprese private e imprenditori in Cina. Le principali aziende tecnologiche sono state indagate e i loro dirigenti interrogati e ordinati di ridimensionare il loro atteggiamento o essere stati multati, tra cui Ant Group e Alibaba di Jack Ma.

A settembre, Ren Zhiqiang, un ex magnate immobiliare che ha criticato la gestione della pandemia da parte di Xi in un saggio online, è stato incarcerato per 18 anni con l’accusa di corruzione .

Traduzione di Arcipelago laogai : in Memoria di Harry Wu

Fonte: The Guardian, 28/07/2021

Articolo in inglese, The Guardian: Chinese billionaire pig farmer jailed for ‘provoking trouble 

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.