Made in Italy: Ue-Cina, nuovo successo per l’agroalimentare

La caduta di tutti gli ostacoli al riconoscimento da parte della Cina di due prodotti di alta qualità italiani, come il Grana Padano e il Prosciutto di Parma, viene accolta con soddisfazione dalla Cia-Confederazione italiana agricoltori, che commenta in maniera positiva l’annuncio fatto oggi a Shanghai dal commissario europeo all’Agricoltura Dacian Ciolos. Si tratta -afferma la Cia- di un’ulteriore importante vittoria della qualità dell’agroalimentare “made in Italy” che continua a registrare significativi successi sui mercati internazionali, visto che il valore delle esportazioni nel 2010 si è avvicinato ai 30 miliardi di euro. La Cia auspica, quindi, che l’affermazione all’estero di prodotti di grande rilevanza per il nostro agroalimentare, come il Grana Padano e il Prosciutto di Parma, possano portare reali riscontri anche ai nostri agricoltori che stanno vivendo una situazione critica a causa degli alti costi di produzione e dei prezzi sui campi non remunerativi. Ovviamente, questa “apertura” da parte della Cina non deve far abbassare la guardia nei confronti dell’agropirateria internazionale verso l’agroalimentare italiano, il più clonato nel mondo. Basti pensare -afferma la Cia- che attualmente le nostre produzioni a denominazione tipiche e di qualità, si trovano di fronte a un vero e proprio accerchiamento. Falsi e “tarocchi” che generano, ogni anno, un business da 60 miliardi di euro.

Fonte: La Repubblica.it, 22 marzo 2011

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.