Made in China, la nuova sfida di Coldiretti

La metà delle mele vendute oggi nel mondo proviene dalla Cina. Ottocentomila tonnellate di pomodoro ogni anno sono “made in China”. Prodotti agricoli frutto spesso del lavoro di prigionieri politici e oppositori “schiavizzati” nei Laogai. Vi sono almeno 1422 Laogai in Cina. Il numero esatto dei campi come il numero esatto dei detenuti degli stessi è considerato “segreto di stato” in Cina. Nei campi Laogai si produce di tutto dall’abbigliamento, ai macchinari e persino prodotti agricoli. L’importazione dei prodotti del lavoro forzato non è solamente immorale ma è anche molto dannosa alla nostra economia. La Laogai Research Foundation, in collaborazione con l’Associazione La Torre, i comuni di Volano e di Calliano, la Confartigianato, la Coldiretti ed il Comprensorio dei Comuni della Val Lagarina organizzeranno una serie di Convegni in Trentino nel mese di Novembre e nel 2010.

Made in China la nuova sfida di coldiretti

Clicca l’immagine per ingrandire

made in china, economia cina laogai

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.