“L’intero sistema è progettato per sopprimerci “. Ecco cosa significa lo Stato cinese di Sorveglianza per il resto del mondo.[video]

Ogni mattina, la signora Chen indossa la sua tuta di “tai chi” viola acceso e si unisce alla dozzina di altri membri del gruppo di arti marziali di Hongmen per esercitarsi fuori dallo stadio Jiangnan di Chongqing. Ma qualche mese fa, aveva tanta fretta di unirsi alla loro vorticosa routine di danza della spada che lasciò sbadatamente cadere la borsa.

Fortunatamente, una guardia di sicurezza ha notato che giaceva nella piazza pubblica attraverso una delle telecamere di sicurezza aeree. La guardia lo restituì alla signora Chen, la quale le fu infinitamente grata.

“Se non fosse stato per queste telecamere, qualcuno avrebbe potuto rubarlo”, così dice la signora Chen al TIME in una mattinata nebbiosa nella megalopoli della Cina Centrale, la quale ha chiesto di essere identificata solo dal suo cognome. “Avere queste telecamere ovunque mi fa sentire al sicuro.”

Quella che sembra una storia fortunata è quasi prevedibile a Chongqing, che ha l’indubbia fama di essere la città più sorvegliata del mondo. La massa brulicante di 15,35 milioni di persone a cavallo della confluenza dei fiumi Yangtze e Jialing vantava 2,58 milioni di telecamere di sorveglianza nel 2019, secondo un’analisi pubblicata ad agosto dal sito web di ricerca tecnologica Comparitech. Questo è un rapporto francamente orwelliano di una telecamera TVCC per ogni 5,9 cittadini o 30 volte la loro prevalenza a Washington, DC.

Ogni mossa in città sembra essere catturata digitalmente. Le telecamere si posano sui marciapiedi, sorvolano intersezioni trafficate e girano sopra i quartieri dello shopping. Ma Chongqing non è affatto unico. Otto delle prime 10 città più sorvegliate al mondo sono in Cina, secondo Comparitech, poiché l’economia n. 2 al mondo implementa un sistema di controllo sociale senza pari. Il software di riconoscimento facciale viene utilizzato per accedere agli edifici degli uffici, individuare i criminali e persino ai pedoni che attraversano col rosso negli incroci trafficati. Oggi la Cina è un triste presagio di come sarà la società quando la sorveglianza prolifererà senza controllo!

Ma mentre poche nazioni hanno condiviso la sorveglianza come ha fatto la Cina, è tutt’altro che sola. La sorveglianza è diventata una parte quotidiana della vita nella maggior parte delle società sviluppate, aiutata da un’esplosione della tecnologia di riconoscimento facciale basata sull’intelligenza artificiale. L’anno scorso, la polizia di Londra ha effettuato il primo arresto sulla base del riconoscimento facciale attraverso riferimenti incrociati di foto di pedoni in zone turistiche con un database di criminali noti. Alcuni mesi prima, un processo a software di riconoscimento facciale da parte della polizia a Nuova Delhi avrebbe riconosciuto 3000 bambini scomparsi in soli quattro giorni. Ad agosto, un ricercato trafficante di droga è stato catturato in Brasile dopo che un software di riconoscimento facciale lo aveva individuato in una stazione della metropolitana. La tecnologia è diffusa anche negli Stati Uniti. Ha aiutato l’arresto di presunti imbroglioni con carta di credito in Colorado e un sospetto stupratore in Pennsylvania.

Tuttavia, i rischi sono notevoli. Mentre le democrazie occidentali adottano misure di salvaguardia per proteggere i cittadini dalla raccolta dilagante di dati da parte del governo e delle società, la Cina sta esportando la sua tecnologia di sorveglianza basata sull’intelligenza artificiale verso i governi autoritari di tutto il mondo. Le aziende cinesi stanno fornendo strumenti di sorveglianza ad alta tecnologia ad almeno 18 nazioni dal Venezuela allo Zimbabwe, secondo un rapporto del 2018 di Freedom House. La Cina è un campo di battaglia in cui il moderno stato di sorveglianza ha raggiunto il culmine, provocando la censura da parte di governi e istituzioni di tutto il mondo, ma è anche il luogo in cui la ribellione contro la sua estensione viene combattuta in modo feroce.

“I modelli economici di oggi incoraggiano tutti a condividere i dati”, afferma Lokman Tsui, esperto di privacy presso l’Università cinese di Hong Kong. In Cina, aggiunge, stiamo vedendo “cosa succede quando lo stato cerca i dati per sfruttarli e usarli”.

Circa 1.500 miglia a nord-ovest di dove la signora Chen ha recuperato la sua borsa, la sorveglianza nella regione caotica dello Xinjiang in Cina ha contribuito a mettere circa 1 milione di persone in “centri di rieducazione” affini ai campi di concentramento, secondo l’ONU Molti sono stati arrestati, processati e condannati dall’algoritmo del computer basato sui dati raccolti dalle telecamere che in alcune parti studiano ogni 20 passi.

In nome della lotta al terrorismo, i membri di gruppi etnici prevalentemente musulmani – per lo più uiguri ma anche kazaki, uzbeki e kirghisi – sono costretti a cedere dati biometrici come foto, impronte digitali, DNA, campioni di sangue e voce. La polizia è armata di un’app per smartphone che poi contrassegna automaticamente determinati comportamenti, secondo il “reverse engineering” del gruppo di difesa Human Rights Watch. Coloro che si fanno crescere la barba, escono di casa attraverso una porta sul retro o visitano la moschea sono spesso contrassegnati in rosso dal sistema ed interrogati.

Sarsenbek Akaruli, 45 anni, veterinario e commerciante della città di Ili nello Xinjiang, è stato arrestato il 2 novembre 2017 e rimane in un campo di detenzione dopo che la polizia ha trovato l’app di messaggistica vietata WhatsApp sul suo cellulare, secondo la moglie Gulnur Kosdaulet. Una cittadina del vicino Kazakistan, ha viaggiato quattro volte nello Xinjiang per cercarlo, ma ha trovato forti resistenze anche ad essere aiutata anche dagli amici del Partito Comunista Cinese al potere (PCC). Dice al TIME: ”Nessuno voleva rischiare di essere registrato su telecamere di sicurezza che mi parlavano nel caso in cui finissero nei campi stessi”,.

La sorveglianza controlla e governa tutti gli aspetti della vita nei campi. Bakitali Nur, 47 anni, esportatore di frutta e verdura nella città di Khorgos, nello Xinjiang, è stato arrestato dopo che le autorità erano diventate sospettose dei suoi frequenti viaggi d’affari all’estero. Egli, padre di tre figli, dice di aver trascorso un anno in una stanza singola con altri sette detenuti, tutti vestiti con tute blu, costretti a rimanere fermi su sgabelli di plastica per 17 ore di fila mentre quattro telecamere HikVision registravano ogni mossa. Egli afferma che: ”Chiunque sia stato sorpreso a parlare o muoversi è stato costretto in posizioni di stress per ore ogni volta”.

Bakitali è stato rilasciato solo dopo aver sviluppato una malattia cronica. Ma il suo inferno di sorveglianza è continuato per cinque mesi di arresti domiciliari virtuali, cosa comune per gli ex detenuti. Gli fu proibito di viaggiare fuori dal suo villaggio senza permesso, e una telecamera TVCC fu installata di fronte a casa sua. Ogni volta che si avvicinava alla porta d’ingresso, un poliziotto chiamava per chiedere dove stesse andando. Ha dovuto riferire ogni giorno all’ufficio del governo locale per sottoporsi all’ “educazione politica” e scrivere un’autocritica dettagliata sulle attività del giorno precedente. Impossibilitati a viaggiare per lavoro, ex detenuti come Bakitali sono spesso obbligati a lavorare nelle fabbriche governative con miseri salari pari a 35 ¢ al giorno, secondo gli ex lavoratori intervistati da TIME. “L’intero sistema è progettato per sopprimerci”. Questo è quanto afferma Bakitali ad Almaty, in Kazakistan, dove è fuggito a maggio.

Il risultato è distopico. Quando ogni aspetto della vita è sotto costante controllo, evidentemente non è solo il comportamento “cattivo” che deve essere evitato! I musulmani nello Xinjiang sono costantemente sotto pressione per agire in un modo che il PCC approverebbe. Mentre pubblicare materiale controverso online è chiaramente imprudente, non usare affatto i social media potrebbe essere considerato sospetto, quindi i musulmani condividono notizie brillanti sul paese e sul partito come mezzo di difesa. Le case e le aziende ora si sentono obbligate a mostrare una fotografia del presidente cinese Xi Jinping in un modo che ricorda le esposizioni pubbliche dei nordcoreani per il fondatore Kim Il Sung. Alla domanda sul perché avesse una foto di Xi nel suo taxi, un autista uiguro rispose nervosamente: “È la legge”!

Oltre alle telecamere di sorveglianza, le persone sono tenute a registrare i loro numeri ID per attività banali come affittare una cabina karaoke. I musulmani sono costretti dagli autobus a farsi controllare i documenti d’identità mentre i passeggeri di etnia cinese Han aspettano ai loro posti. Agli incroci, i conducenti vengono introdotti dai loro veicoli dalla polizia armata e attraverso l’attrezzatura “rivelatore di corpi rotanti” Tera-Snap. Nella città di Hotan, nell’oasi del Xinjiang meridionale, viene persino installato uno stand per il riconoscimento facciale nel mercato locale dei prodotti. Quando un sistema ha faticato a calcolare il volto di questo giornalista del Western TIME, le impazienti donne Han in coda alle spalle hanno rimproverato l’operatore: “Sbrigati, non è un Uighuri, lascialo passare”.

La Cina nega strenuamente le violazioni dei diritti umani nello Xinjiang, giustificando il suo “leviatano” di sorveglianza mentre combatte i “tre mali” di “separatismo, terrorismo ed estremismo”. Ma la situazione è stata descritta come una “orribile campagna di repressione” dagli Stati Uniti e condannata da l’ONU Washington ha anche iniziato a sanzionare compagnie come HikVision la cui tecnologia di riconoscimento facciale è onnipresente in tutta la regione dell’Alaska. Ma l’avversione occidentale alla sorveglianza è molto più ampia e deriva in gran parte da abusi come lo scandalo Facebook / Cambridge Analytica, in cui le informazioni personali “raschiate” fino a 87 milioni di persone sono state acquisite dalla consulenza politica per far oscillare le elezioni in tutto il mondo .

La Cina sta inoltre implementando “Big Data” e sorveglianza, per inculcare comportamenti “positivi” nei suoi cittadini attraverso un sistema di credito sociale. Nella città costiera orientale cinese di Rongcheng, che ospita 670.000 persone, a ogni persona vengono automaticamente assegnati 1.000 punti. Litigare con i vicini ti costerà 5 punti; non riesci a ripulire dopo che il tuo cane ha sporcato ne perdi 10. Donazione di sangue guadagni 5. Se scendi al di sotto di una certa soglia diventa impossibile ottenere un prestito o prenotare i biglietti del treno ad alta velocità. Alcuni cinesi ne vedono il vantaggio. L’insegnante di liceo Zhu Junfang, 42 anni, gode di vantaggi come bollette del riscaldamento scontate e assistenza sanitaria migliorata dopo una serie di buoni lavori. Egli afferma che: ”A causa del sistema di credito sociale, i veicoli hanno educatamente permesso ai pedoni di attraversare la strada e durante una recente bufera di neve le persone si sono offerte volontarie per liberare la neve per guadagnare punti extra”,.

Un governo così invadente sarebbe un anatema per la maggior parte delle persone in Occidente, dove l’avversione alla sorveglianza è molto più ampia e più viscerale. Che si tratti della storia del nostro browser Internet, dei selfie caricati sui social media, dei dati recuperati dai tracker di fitness o dei dispositivi smart home che probabilmente registrano le conversazioni più intime in camera da letto, viviamo tutti in quella che è stata soprannominata “economia della sorveglianza”. Nel suo libro The Age del capitalismo di sorveglianza, Shoshana Zuboff lo descrive come “esperienza umana [suddivisa in dati] come materia prima gratuita per pratiche commerciali di estrazione, previsione e vendita”.

Quando si tratta di riconoscimento facciale, la resistenza è più intensa, dato l’enorme potenziale di raccolta indiscriminata dei dati. L’Unione Europea. sta rivedendo le normative per dare ai suoi cittadini diritti espliciti sull’uso dei loro dati di riconoscimento facciale. Mentre i giganti della tecnologia Microsoft e Amazon hanno già implementato la tecnologia, chiedono anche chiari parametri legali per regolarne l’uso. Oltre alla privacy, ci sono anche problemi di uguaglianza. Secondo uno studio del MIT Media Lab, il software di riconoscimento facciale ha identificato correttamente i bianchi dal 99% al 100% delle volte, ma è sceso fino al 65% per le donne di colore. I gruppi per le libertà civili sono particolarmente a disagio dal momento che il riconoscimento facciale, nonostante il suo uso diffuso da parte della polizia americana, viene raramente citato come prova nei successivi atti giudiziari. A maggio, San Francisco è diventata la prima grande città degli Stati Uniti a bloccare la polizia dall’uso di software di riconoscimento facciale.

Anche in Cina, dove le libertà civili sono state a lungo sacrificate per ciò che il PCC considera il bene più grande, le preoccupazioni sulla privacy stanno emergendo. Il 28 ottobre, un professore della Cina orientale ha fatto causa all’Hangzhou Safari Park per “violazione della legge sulla privacy dei consumatori attraverso la raccolta obbligatoria delle caratteristiche individuali dei visitatori”, dopo che il parco ha annunciato l’intenzione di adottare porte d’ingresso per il riconoscimento facciale. A Chongqing, una mossa per installare telecamere di sorveglianza in 15.000 taxi con licenza ha subito una reazione negativa da parte dei conducenti. Così si lamenta un conducente al TIME: “Ora non posso coccolare la mia ragazza fuori servizio o maledire i miei capi”!

Le elezioni della Russia davanti al mondo intero hanno messo in evidenza i rischi che i dati raccolti commercialmente vengano riproposti per obiettivi nefasti. È un messaggio preso a cuore ad Hong Kong, dove milioni di persone hanno protestato negli ultimi cinque mesi per promuovere una maggiore democrazia. Questi manifestanti sono finiti  nel mirino del regime dopo essere stati identificati tramite telecamere a circuito chiuso o nei social media. I dipendenti della compagnia aerea statale Cathay Pacific sono stati licenziati e altri sono stati indagati sulla base di prove raccolte tramite post online e app di messaggistica private.

Ciò ha portato i manifestanti ad adottare tattiche complesse per eludere l’occhio onniveggente del Grande Fratello. Indossati caschi, maschere e occhiali riflettenti, si preparano agli scontri con la polizia con precisione militare. Un avanguardia di ombrelli puntati in alto per proteggere le loro attività da occhi indiscreti, prima che una seconda ondata avanzi per attaccare le telecamere aeree con nastro adesivo, vernice spray e seghe circolari. Da dietro, un fuoco di copertura di puntatori laser tenta di interrompere le registrazioni delle telecamere montate sul corpo degli agenti di sicurezza.

Rifiutare l’uso di telecamere è solo una risposta. Quando Matthew, 22 anni, che ha usato solo il suo nome per ragioni di sicurezza, va in prima linea, lascia sempre il suo normale cellulare a casa e prende uno contraffatto. A parte lo scambio di carte SIM, raramente riutilizza i telefoni più volte poiché ognuno ha un numero di serie digitale unico per l’identità internazionale dell’apparecchiatura mobile che la polizia può rintracciare. Passa anche da una VPN all’altra (software per mascherare la posizione di un utente) e paga per gli acquisti legati alla protesta con contanti o carte di credito ricaricabili non rintracciabili. Le chiamate vocali vengono effettuate solo come ultima risorsa, afferma. “Una volta non avevo altra scelta che fare una chiamata, ma ho buttato via la mia SIM immediatamente dopo.”

Il governo di Hong Kong nega l’utilizzo di fotocamere intelligenti e dei lampioni che utilizzano la tecnologia del riconoscimento facciale. Ma “dipende davvero dal fatto che ti fidi delle istituzioni”, afferma l’esperto di privacy Tsui. Per Matthew, i rischi sono reali e severi: “Stiamo combattendo per impedire a Hong Kong di diventare un altro Xinjiang”!

Alla fine, anche le protezioni di avvocati dei dimostranti potrebbero non essere sufficienti man mano che la tecnologia avanza. Nel suo quartier generale di Pechino, Huang Yongzhen, CEO della società di intelligenza artificiale Watrix, mostra il suo ultimo software di riconoscimento dell’andatura, in grado di identificare le persone a 50 metri di distanza analizzando migliaia di metriche sulla loro camminata, anche con i volti coperti o le spalle alla telecamera. È già stato implementato dai servizi di sicurezza in tutta la Cina, dice, anche se è ambivalente riguardo ai problemi di privacy. “Dal nostro punto di vista, forniamo solo la tecnologia”, afferma. “Per quanto riguarda il modo in cui viene utilizzato, come tutta l’alta tecnologia, potrebbe essere un’arma a doppio taglio.”

Non c’è da stupirsi che un contraccolpo contro la sorveglianza basata sull’intelligenza artificiale stia accelerando. Negli Stati Uniti, la legislazione è stata introdotta al Congresso a luglio che vieterebbe l’uso del riconoscimento facciale nelle case. Gli scienziati giapponesi hanno prodotto occhiali speciali progettati per ingannare la tecnologia. Le campagne pubbliche si sono diradate contro gli usi commerciali: da Ticket-master che usa il riconoscimento facciale per i biglietti per concerti al JetBlue per le carte d’imbarco. A maggio, la deputata democratica Alexandria Ocasio-Cortez ha collegato questa tecnologia ad “un aumento globale di autoritarismo e fascismo”.

Di ritorno a Chongqing, il negoziante Li Hongmei vede solo gli aspetti positivi. Dice che le telecamere a circuito chiuso pubbliche proprio fuori dal suo negozio non hanno fermato una serie di furti, quindi aveva sei telecamere installate all’interno del negozio. In pochi giorni, dice, ha catturato il ladro seriale che stava rubando il latte dai suoi scaffali. “Ai cinesi non interessa la privacy. “Vogliamo sicurezza ”, afferma. “Non sono ancora sufficienti le telecamere. Ne abbiamo bisogno di più.”

Fonte:Yahoo News,21/11/2019

Traduzione e commento di Giuseppe Manes, Arcipelago Laogai: in memoria di Harry Wu

Ecco il vero Big Brother! 1984 opera di Orwell! Forse Xi Jinping non conosce Orwell… o forse lo conosce talmente bene, tanto bene da trasformare il personaggio immaginario del romanzo in pura realtà!  Benvenuti nella società dispotica di Xi Jinping.


English article,Yahoo News:

‘The Entire System Is Designed to Suppress Us.’ What the Chinese Surveillance State Means for the Rest of the World 

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.