L’Inghilterra nega il visto al dissidente Ai Weiwei per non offendere la Cina

Londra evita così l’imbarazzante incrocio col presidente cinese in visita a ottobre

Ai Weiwei non è ben accetto in Inghilterra. Londra ha, infatti, negato un visto di sei mesi all’artista e dissidente cinese con la motivazione che ha mentito nella domanda presentata.

In questo modo, però, il Regno Unito evita che Ai Weiwei si trovi nel Paese a ottobre quando arriverà anche il presidente cinese Xi Jinping.

Una mostra di opere di Ai Weiwei si terrà in settembre alla Royal Academy of Arts di Londra. Le autorità cinesi hanno restituito la scorsa settimana ad Ai Weiwei il passaporto che gli era stato sequestrato nel 2011. L’Ambasciata britannica a Pechino, nella lettera con cui respinge la richiesta e concede all’artista un visto di soli venti giorni, sostiene che Ai Weiwei non ha scritto di aver subito una “condanna criminale” e che per questo la richiesta è stata respinta.

In realtà Ai Weiwei è stato detenuto nel 2001 per 81 giorni e non è mai stato accusato e tantomeno condannato per alcun reato. Non solo. Secondo esperti di diritto cinese ed internazionale la detenzione dell’artista è stata illegale secondo le stesse leggi della Repubblica Popolare.

Nella lettera, pubblicata dallo stesso Ai Weiwei su Instagram, l’entry clearing manager della sezione visti dell’Ambasciata spiega che “è di pubblico dominio il fatto che lei è stato condannato in passato per attività criminali in Cina, e lei non l’ha dichiarato”. Ai Weiwei spiega in un altro post di Instagram di aver “più volte” cercato di chiarire l’equivoco con l’Ambasciata, senza essere ascoltato.

Il Giornale,30/07/2015

English article,BBC News: Ai Weiwei denied six-month UK visa

Articoli correlati:

 

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.