L’India accusa la Cina di aiutare i gruppi ribelli al confine con il Myanmar. [video]

Funzionari indiani affermano che la Cina da sostegno ai gruppi ribelli che hanno intensificato gli attacchi al confine con il Myanmar negli ultimi mesi, aprendo un altro fronte nel conflitto tra due nazioni già impegnate in una situazione di stallo mortale nell’Himalaya.

Secondo funzionari indiani, gruppi armati in Myanmar, tra cui l’Esercito dello Stato Wa e l’Arakan, designato quest’anno come organizzazione terroristica, agiscono come delegati di Pechino fornendo armi e nascondigli ai gruppi di ribelli negli stati nord-orientali dell’India. Consapevole della situazione, hanno chiesto di non essere identificati a causa di regole stringenti per rilasciare interviste.

I funzionari hanno detto che molte agenzie di sicurezza hanno avvertito il governo del primo ministro Narendra Modi che almeno quattro dei leader insorti più ricercati dell’India si trovavano nella città di Kunming, nel sud della Cina, per addestrare e rifornirsi di armi da metà ottobre. Il gruppo – inclusi tre ribelli di etnia Naga che combattono per una patria separata in un’area a cavallo del confine tra India e Myanmar – ha incontrato funzionari militari cinesi in servizio e in pensione, nonché altri intermediari che costituiscono una rete informale. Così dicono i funzionari indiani.

Confine ribelle

Le milizie etniche operano sia in India che in Myanmar.

L’aumento dell’attività lungo il confine con il Myanmar ha suscitato la preoccupazione a Nuova Delhi per il fatto che l’esercito indiano si sta estendendo a causa delle tensioni con Cina e Pakistan su altre parti del confine terrestre, che si estende per circa 14.000 chilometri (8.700 miglia). I funzionari hanno detto che l’India ha spostato diversi battaglioni composti da circa 1.000 soldati ciascuno nell’area di confine con il Myanmar dopo che un soldato è stato ucciso in un’imboscata il 21 ottobre.

Negazione cinese

Il ministero degli Esteri cinese ha negato le affermazioni che il paese stesse sostenendo gruppi armati contro l’India, dicendo che non interferisce negli affari di altri Paesi. “La Cina ha sempre assunto un atteggiamento prudente e responsabile nei confronti delle esportazioni di armi”, ha affermato il ministero nelle risposte scritte alle domande. “Conduciamo solo commercio militare in cooperazione con Stati sovrani e non vendiamo armi ad attori non statali”.

Lo United Wa State Army ha anche negato un ruolo nel fornire aiuto o supporto ai gruppi ribelli indiani per conto della Cina, citando, tra gli altri fattori, le oltre 500 miglia tra il loro quartier generale e il confine India-Myanmar.

Il gruppo non “ha alcun collegamento con la sicurezza nazionale dell’India e non danneggiamo affatto quel paese. Quindi, pensiamo di non aver bisogno di commentare questo tipo di accuse “, ha detto Nyi Rang, il portavoce di United Wa State Army, aggiungendo che le accuse rivolte alla Cina” sono infondate “.

Funzionari indiani hanno affermato che il recente aumento della violenza risale a settembre, quando gli insorti di Naga si erano allontanati dai negoziati di pace decennali. Il 28 settembre, le guardie di frontiera indiane hanno intercettato un grande deposito di armi destinato a gruppi ribelli indiani lungo il confine tra India e Myanmar e hanno arrestato tre sospetti portatori di armi, secondo funzionari a conoscenza diretta della questione.

I funzionari di Nuova Delhi hanno detto che gli arrestati hanno spiegato che agli insorti indiani venivano fornite armi dall’esercito di Arakan, che a sua volta ha ricevuto il sostegno della Cina per proteggere investimenti come strade e gasdotti in un corridoio economico che si estende dal porto di Sittwe a Kunming. La Cina stava anche aiutando i ribelli indiani con armi e logistica, compresi i nascondigli lungo il confine tra India e Myanmar, hanno osservato i funzionari.

Chiamate e messaggi Whatsapp al Ministero degli Interni indiano che chiedevano un commento non hanno ricevuto risposta. I ripetuti tentativi di contattare i membri anziani del Consiglio nazionalsocialista del Nagaland, i cui leader si credeva fossero a Kunming, non hanno avuto successo.

Milizia armata

Diverse dozzine di milizie armate sono attive nel nordest dell’India, in lotta per l’indipendenza o una maggiore autonomia. Alla domanda dei giornalisti il ​​6 novembre se la Cina stesse utilizzando gruppi etnici armati in Myanmar per sostenere i ribelli indiani, un alto funzionario del ministero dell’Interno indiano ha rifiutato di rispondere direttamente. “Alcuni dei gruppi ribelli sono piantagrane, ma stiamo negoziando la pace con altri”, ha detto Ajay Bhalla, il massimo burocrate del ministero dell’Interno, in un webinar ospitato dal National Defense College.

Brigantino. Il generale Zaw Min Tun, il portavoce dell’esercito del Myanmar, non ha risposto alle domande inviate via email. Il Myanmar all’inizio di quest’anno ha designato l’Esercito Arakan come organizzazione terroristica.

Il capo dell’esercito indiano è arrivato in Nagaland il 24 novembre per una visita di tre giorni, sottolineando la rinnovata intensità del conflitto. Alla fine di ottobre, le truppe indiane e birmane hanno avviato operazioni congiunte contro gruppi ribelli indiani, tra cui uno denominato Esercito popolare di liberazione del Manipur. L’esercito birmano, nel frattempo, ha preso di mira gruppi etnici armati come l’esercito di Arakan sul lato del confine.

A dire il vero, i livelli di sostegno cinese agli insorti nella regione non sono vicini ai livelli degli anni ’60 e ’70.

Quando negli anni Cinquanta e Sessanta insorgenze etniche armate scoppiarono nei remoti stati nord-orientali dell’India, fu l’aspro rivale del Pakistan a fornire per primo le armi ai gruppi armati. Ben presto, però, “fu la Cina a diventare il principale fornitore di munizioni per gli insorti etnici. Molti si sono formati anche in Cina “, ha scritto il giornalista svedese ed esperto regionale Bertil Lintner nel suo libro del 2012” The Great Game East: India, China and the Struggle for Asia’s Most Volatile Frontier “, aggiungendo che” oggi, il governo cinese non sostiene quei gruppi, ma hanno avuto accesso al cosiddetto mercato delle armi nero – in realtà più grigio – in Cina “.

Interessi conflittuali

È improbabile che la Cina utilizzi un paese terzo per fare pressione sull’India perché ciò spingerebbe i leader di Nuova Delhi a fare lo stesso in cambio, secondo Fan Hongwei, professore presso la Research School of Southeast Asian Studies dell’Università di Xiamen.

“La Cina spera di risolvere le questioni bilaterali tra i due paesi, piuttosto che renderle più complesse, il che non manterrebbe la politica e gli interessi coerenti della Cina”, ha detto.

Sia l’India che la Cina stanno investendo in Myanmar per ragioni strategiche. Pechino sta investendo in gasdotti e strade per collegare la sua provincia meridionale dello Yunnan con il Golfo del Bengala, consentendo alle importazioni chiave di aggirare lo stretto di Malacca tra Malesia, Indonesia e Singapore. L’India, nel frattempo, sta investendo nel progetto Kaladan Multimodal da 29 miliardi di rupie (292 milioni di dollari) per collegare i suoi stati nord-orientali sottosviluppati al Golfo del Bengala.

“La Cina sa che la regione è cruciale per la futura connettività dell’India nel sud-est asiatico”, ha detto Ian Hall, professore di relazioni internazionali alla Griffith University nel Queensland, in Australia, e autore di ‘Modi and the Reinvention of Indian Foreign Policy.’ anche che la messa in sicurezza della regione è impegnativa ed è stata molto costosa per Nuova Delhi in passato “.

Traduzione di Giuseppe Manes, Arcipelago laogai: in memoria di Harry Wu

Fonte: Bloomberg,07/12/2020

Versione inglese:

India Accuses China of Helping Rebel Groups on Myanmar Border

 

 

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.