L’imperialismo cinese si espande sui mari

La Cina punta ad espandere il proprio dominio sugli Oceani molto al di la’ dei suoi confini, dai porti petroliferi del Medio Oriente fino alle rotte verso il Pacifico, dove gli Stati Uniti hanno a lungo esercitato la loro influenza. Lo affermano analisti e fonti militari statunitensi citati dal quotidiano Usa, “New York Times”. La strategia cinese, chiamata “difesa su mari lontani”, ha sorpreso le autorita’ militari straniere per la sua rapidita’ con la quale viene realizzata. Secondo fonti di Pechino, l’obiettivo di questo piano e’ quello di proteggere con navi da guerra i cargo cinesi – cruciali per l’economia del Paese – che trasportano merci verso il Golfo Persico e il Sud est asiatico. Nel mese di marzo due navi da guerra cinesi sono arrivate ad Abu Dhabi, la prima volta in un porto del Medio Oriente.

Fonte: New York Times, 24 aprile 2010

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.