L’esercito cinese trasforma gli studenti universitari in propagandisti di regime

Frank Fang, Epoch Times | 14/04/2016
L’Esercito cinese sta reclutando nell’est del Paese studenti universitari per trasformarli in propagandisti del regime. Con un mandato del 6 aprile, la Riserva dell’esercito della provincia di Anhui ha così imposto all’Università di Chaohu l’istituzione di un’Unità per la guerra ideologica a difesa di Internet e dei media di 20 studenti.

Annotazioni sul documento indicano che un funzionario scolastico non ben identificato abbia approvato l’ordine, impegnandosi anche a raccogliere nome, genere e matricola degli studenti assegnati alla squadra.

Il documento è stato postato su Twitter da Hasawa Tenzin Neema, un giovane attivista per la liberazione del Tibet. Il primo a darne notizia è stato il China Digital Times.

Un utente Twitter, ha colto il lato divertente del tentativo di reclutamento di studenti universitari da parte dell’esercito commentando: «Le forze armate del Partito hanno deciso di abbandonare le armi in favore delle penne».

Ma gli sforzi del regime cinese per spingere i propri cittadini a fare propaganda di Partito non sono certo un argomento su cui ridere. Ogni anno, il regime stanzia miliardi di dollari a sostegno del sistema di sorveglianza di Stato, in nome di un fantomatico «mantenimento della stabilità sociale». Alcuni di questi finanziamenti stipendiano una rete di commentatori online (i cosiddetti ‘influencer’ o ‘troll’), che hanno il compito di navigare in internet e influenzare l’opinione pubblica a favore del regime.

Questo gruppo di commentatori a pagamento è noto come ‘l’Esercito dei 50 centesimi’; il soprannome deriva infatti dal gettone che ricevono per ogni post che pubblicano sui profili social e sulle bacheche online di siti cinesi, e talvolta stranieri. Circa 4 milioni di questi troll assoldati per questo scopo sono appunto studenti universitari, e sono sottoposti alla sorveglianza della Lega della gioventù comunista.

La Lega della gioventù comunista, nella provincia di Anhui, si era inizialmente prefissata – secondo il China Digital Times – di impiegare come propagandisti almeno 15 mila studenti entro marzo 2014; ma da febbraio 2015 questa soglia è stata elevata a 150 mila studenti.

Gli studenti universitari cinesi non sono gli unici civili a essere assoldati come ‘occhi e orecchie’ del regime cinese sul web; a Pechino, infatti, circa 3 mila persone di ogni classe sociale aiutano la polizia locale nel monitoraggio di internet in modo apparentemente volontario.

Fonte: Epoch Times,http://epochtimes.it/n2/news/lesercito-cinese-trasforma-gli-studenti-universitari-in-propagandisti-di-regime-3506.html

The Chinese Military Is Trying to Hire College Students to Be Propagandists

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.