Le pressioni di Pechino inducono la Spagna a ridurre i poteri della Suprema Corte.Tibet: Arrestati due monaci Pema Golok.

Nel tentativo di evitare una crisi diplomatica con Pechino, il Partito Popolare spagnolo, secondo quanto dichiarato dal Ministro della Giustizia, è intenzionato a limitare i poteri dell’Alta Corte in materia di pronunciamento sui crimini contro i diritti umani perpetrati da altri paesi.

Il Primo Ministro Mariano Rajoy è infatti preoccupato delle conseguenze che la sentenza di arresto di cinque ex leader cinesi pronunciata dalla Corte il 18 novembre potrebbe avere nelle relazioni tra Spagna e Cina.

Destinatari del mandato d’arresto internazionale con l’accusa di genocidio a causa delle politiche adottate in Tibet sono Jiang Zemin, ex Presidente e Segretario del Partito comunista,Li Peng, Primo Ministro durante la repressione in Tibet alla fine degli anni ’80 e all’inizio degli anno ’90, Qiao Shi, ex capo della sicurezza e della Polizia Armata del Popolo durante il periodo della legge marziale imposta alla fine degli anni ’80, Chen Kuiyuan, Segretario del Partito nella Regione Autonoma Tibetana dal 1992 al 2001 e Deng Delyun, Ministro della pianificazione famigliare negli anni ’90.
Ciò significa che nessuno degli ex leader nominati potrebbe arrischiarsi a viaggiare al di fuori della Repubblica Popolare in quanto correrebbe ikl rischio di essere arrestato per essere interrogato in relazione ai crimini a lui imputati

Sarebbe inoltre possibile il congelamento di tutti i conti bancari all’estero degli imputati. Un’inchiesta è stata aperta anche nei confronti dell’ex presidente Hu Jintao per i crimini commessi dal governo cinese durante la repressione dei moti popolari del 1989.

Dopo la sentenza della Corte Nazionale spagnola, il Ministro degli Esteri cinese aveva convocato – il 22 novembre – l’Ambasciatore di Spagna a Pechino manifestando il proprio disappunto per la decisione del supremo tribunale spagnolo.

Il portavoce del Ministro aveva dichiarato che Pechino si oppone fermamente alla sentenza che potrebbe mettere a rischio i rapporti bilaterali tra i due paesi. “Chiediamo alla Spagna” – aveva detto – “di tenere conto della posizione della Cina, di riconsiderare la sua decisione, di porre rimedio alle gravi ripercussioni che da essa potrebbero derivare, di porre fine agli errati segnali che la sentenza invia alle forze indipendentiste tibetane e di astenersi dal deteriorare le relazioni tra i due paesi”. Ricordiamo che i cinque ex leader cinesi oggetto della sentenza potrebbero essere arrestati se attraversassero o si recassero nei paesi aderenti al principio di “giurisdizione universale” applicato dalla Corte Spagnola.

La modifica dei poteri attribuiti all’Alta Corte spagnola sarà presentata nel corso del mese di gennaio. In particolare, le modifiche riguarderanno l’articolo 23 dell’Atto Organico del Potere Giudiziario che regola i poteri della Corte. Attualmente la Corte Nazionale è in grado di giudicare i crimini contro l’umanità commessi anche al di fuori del territorio spagnolo sulla base di una competenza riconosciutale dalle Nazioni Unite – fondata sulla dottrina della giurisdizione universale – secondo la quale alcuni casi legati alla questione dei diritti umani (tortura, regime di terrore e altri crimini perpetrati da singoli individui, governi o autorità militari) sono perseguibili anche al di fuori dei confini nazionali.

Arrestati due monaci a Pema Golok

Due monaci tibetani appartenenti al monastero di Jonang Akong, situato nella Contea di Pema Golok, sono stati arrestati dalla polizia cinese la notte del 9 dicembre, presumibilmente perché accusati di essere coinvolti nell’autoimmolazione di Tsering Gyal, il giovane tibetano originario della stessa Contea, datosi fuoco e deceduto l’11 novembre. Ne ha dato notizia il 17 dicembre Radio Voice of Tibet. Con la stessa accusa erano stati arrestati all’inizio del mese altre sette tibetani tra i quali tre monaci dello stesso monastero. Perquisita e allontanata dal posto di lavoro anche Yangtso, un’insegnante nel cui computer sono state trovate di alcune fotografie di Tsering Gyal e alcuni scritti in cui si chiedono offerte di preghiera per il defunto.

Fonti: Elpais.com – Phayul – Redazione Associazione Italiana Tibet, Dossier Tibet, 18/12/2013

English version (Dossier Tibet):
http://www.dossiertibet.it/news/spain-plans-limit-court%E2%80%99s-power-try-chinese-leaders-tibet-crimes

Articoli correlati(related articles also in English):

Cina irritata dal mandato di cattura internazionale emesso dal tribunale spagnolo contro alcuni leader del PCC:
http://www.laogai.it/tibet/cina-irritata-dal-mandato-di-cattura-internazionale-emesso-dal-tribunale-spagnolo-per-alcuni-leader-del-pcc/

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.