Le politiche cinesi di gestione del territorio in Tibet “insostenibili”: rapporto centro tibetano indiano per i diritti e la democrazia

Secondo un rapporto pubblicato questa settimana, le politiche cinesi volte a mitigare i cambiamenti climatici sull’altopiano tibetano stanno distruggendo le attività agricole dei tibetani nella gestione della terra e dei pascoli, mirano solo a ulteriori sforzi del governo per spostare i nomadi dai loro pascoli.

Yak e pecore pascolano nelle praterie della prefettura autonoma tibetana di Tsolho, nel Qinghai.

“La Cina ha piani espliciti ed elaborati per svuotare il Tibet dai tibetani, concentrandoli in paesi e città, con poche vie per entrare nell’economia urbana e nessuna via per tornare alle loro terre”, afferma il rapporto “Unsustainable Futures” dell’agenzia indiana Centro tibetano per i diritti umani e la democrazia.

“Le famiglie nomadi in tutto il Tibet sono state, nel corso dei decenni, gradualmente soffocate nella povertà da restrizioni sempre più stringenti sulla dimensione delle allocazioni di terra”, afferma il rapporto TCHRD, che precede una conferenza delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici che si terrà alla fine di ottobre e novembre a Glasgow.

Altre politiche cinesi che incidono sugli stili di vita tradizionali dei nomadi includono la recinzione obbligatoria delle terre assegnate e la costruzione di case per i pascoli invernali, i limiti alle dimensioni della mandria e la pressione per vendere più animali in giovane età, ha affermato il  TCHRD.

I nomadi tibetani sono stati incolpati per decenni per i fallimenti dello stato nella gestione dei pascoli, ha affermato il gruppo per i diritti, aggiungendo che le motivazioni ufficiali per il loro trasferimento forzato includono la riduzione della povertà, la protezione della fauna selvatica e l’estrazione del carbonio.

 “Ma i modi di produzione tradizionali tibetane generano scarsissime emissioni che causano il cambiamento climatico”, ha affermato il gruppo per i diritti nel suo rapporto.

La Cina ora dichiara che enormi bacini idrografici sull’altopiano tibetano sono parchi nazionali nel tentativo di contrastare i cambiamenti climatici e nascondere la sua reputazione di grande inquinatore mondiale, ha affermato TCHRD.

“La Cina è il più grande produttore e utilizzatore al mondo di carbone, cemento, acciaio, alluminio, rame e molto altro, la Cina è la causa principale delle emissioni dei cambiamenti climatici”.

Lo sfruttamento da parte della Cina delle risorse naturali del Tibet ha allo stesso tempo arrecato gravi danni all’ambiente della regione, ha affermato Lobsang Yangtso, assistente alla campagna e alla ricerca presso l’International Tibet Network, una coalizione globale di gruppi che lavorano su questioni tibetane.

“E questo è destinato ad aumentare nel prossimo futuro”, ha detto Yangtso, parlando con RFA.

“Dove c’è stata l’estrazione mineraria, il paesaggio è stato distrutto e la terra è stata compromessa all’utilizzo per qualsiasi tipo di agricoltura. I tibetani sono stati costretti a trasferirsi e i rifiuti delle miniere inquinano la maggior parte delle fonti d’acqua”, ha detto Yangtso, aggiungendo che anche i veicoli pesanti e le attrezzature utilizzate nelle miniere inquinano l’aria.

I tibetani che vivono nelle aree sfruttate dal governo cinese non hanno voce in capitolo.

“L’atteggiamento cinese nei confronti dell’estrazione mineraria in Tibet è che la Cina ha il diritto esclusivo di sfruttamento, e questo è chiaro da ciò che il governo cinese ha fatto in passato”.

Sempre parlando con RFA, il ricercatore TCHRD Tenzin Nyiwoe ha affermato che il trasferimento forzato dei pastori tibetani dai loro pascoli negli insediamenti urbani ha notevolmente alterato i modi di vita tradizionali dei nomadi.

“Questo è uno dei punti più importanti sollevati nel nostro rapporto”, ha detto Nyiwoe.

Le affermazioni della Cina di assumere un ruolo di leadership nella gestione del clima globale dovrebbero essere esaminate attentamente al prossimo vertice di Glasgow e le loro politiche sull’altopiano tibetano dovrebbero essere messe in discussione, ha affermato Mirza Rahman, ricercatore indipendente sulle questioni ambientali dell’India nordorientale.

“L’ecologia del Tibet è molto importante per la sicurezza climatica”, ha detto Rahman.

Traduzione: Arcipelago laogai

Fonte: RFA, 14/10/2021

Articolo in inglese:

China’s Land Management Policies in Tibet ‘Unsustainable’: Report 

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.