Le mani cinesi sull’economia: dieci miliardi di investimenti per conquistare l’Italia

Cresce senza sosta l’influenza cinese sulla nostra economia: come i nuovi “signori del 2%” comandano in Eni, Ansaldo, Mediobanca e Generali. E in futuro il trend non si invertirà di certo

“La Cina è vicina” era il titolo di un celebre libro del 1957 di Enrico Emmanuelli in cui si descrivevano storia e prospettive dell’ex Celeste Impero allora sotto la guida di Mao Zedong.

Oggi la locuzione è tornata più attuale che mai, ma con una lieve differenza. Che per parlare di Cina non è più necessario andare in Estremo Oriente, ma basta guardare alle cose di casa nostra.

Il dragone cinese allunga i suoi artigli verso l’Italia e l’economia nazionale ne porta già i segni. Come ricostruisce Sergio Bocconi per il Corriere Economia, gli ultimi cinque anni hanno visto investimenti cinesi nel nostro Paese per ben dieci miliardi. Con un trend in continua crescita: dai 14 milioni di controvalore delle tre operazioni di acquisizione del 2010, ai 210 del 2012. Nel 2013 l’investimento complessivo è schizzato a 3,2 miliardi, per toccare il record nell’anno passato, quando si sono registrate 13 operazioni per un controvalore di 4,9 miliardi. Secondo i numeri forniti da Kpmg, l’anno scorso sul totale dei controvalori dell’attività estero su Italia, le acquisizioni cinesi hanno rappresentato ben il 27%.

Ma al salito quantitativo si accompagna anche una “strategia” di acquisto molto precisa che cambia nel tempo. Se fino ad ora “l’interesse di Pechino era rivolto a piccole aziende industriali con tagli d’investimento difficilmente superiori ai 100 milioni, negli ultimi anni hanno cominciato a muoversi operatori cinesi sempre più grandi, industriali e fondi sovrani, che hanno effettuato acquisti in precedenza riservati a mercati come Gran Bretagna e Usa”, spiega Max Fiani, autore del report Kpmg.

Sono i cosiddetti “signori del 2%“, che raccolgono partecipazioni in società strategiche quotate a Piazza Affari. Industria e Finanza, Eni ed Enel ma anche Telecom e Mediobanca. Non hanno più paura di sfondare la soglia del 2%, oltre cui diventa obbligatorio rendere noto l’acquisto di quote delle imprese italiane: a confermarlo è lo stesso governatore dellaBanca popolare cinese, Zhou Xiaochuan. E le stime che valutano in 3-4 miliardi gli investimenti della sola Banca popolare cinese non tengono quindi conto di tutto quello che non è “emerso”. Tra gli acquisti che superano il 2%, invece, ci sono quiote di Fiat-Chrysler, Prysmian, Generali, Mediobanca, Saipem e Terna.

Ma la Banca popolare cinese non è sola: in estate Shanghai electric aveva acquistato il 40% di Ansaldo energia versando 400 milioni al Fondo strategico italiano. L’anno precedente, nel 2013, China National Petroleum aveva rilevato per 3,3 miliardi il 30% di Eni east Africa. A ottobre Renzi e il suo omologo cinese Li Kequiang hanno sottoscritto 20 accordi per 8 miliardi.

Infine, ci sono le prime aperture dei quartier generali internazionali in Italia, come è avvenuto per il gruppo d’abbigliamento Jihua. Tutti segni della crescente attenzione cinese per il Belpaese, peraltro in un momento non troppo favorevole per la moneta unica. Per il prossimo futuro è quasi certo che il trend non si invertirà, ma anzi continuerà sugli stessi binari.

Il Giornale.it,16/02/2015

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.