Le fabbriche cinesi stanno esportando prezzi più bassi in tutto il mondo

Le fabbriche cinesi stanno di nuovo minacciando di abbassare i prezzi in tutto il mondo poiché il costo dei loro beni diminuisce maggiormente dal 2016.

In una nuova sfida alla capacità delle banche centrali globali di rilanciare l’inflazione, la crescita più lenta della Cina in quasi tre decenni e i costi energetici più economici hanno lasciato i prezzi di produzione in calo da luglio.

Mentre i beni più economici possono essere un vantaggio per i consumatori stranieri mentre si avvicina il Natale, l’effetto complessivo è una potenziale spirale del calo dei prezzi in tutto il mondo poiché le aziende di tutto il mondo sono costrette a competere con i concorrenti cinesi per proteggere i profitti. Ciò aggiungerebbe ulteriore tensione alla guerra commerciale USA-Cina.

Merci cinesi più economiche.

Il prezzo delle esportazioni dalla Cina sta scendendo insieme ai prezzi alla produzione.

“L’inflazione è sempre più guidata da fattori globali, e in particolare dalle ondate di disinflazione emanate dalla Cina”, secondo Stephen Jen e Joana Freire di Eurizon SLJ Capital. “Ciò è legato al fatto che la Cina esporta il suo strapiombo di capacità” che è stata esposta dalla debole domanda interna, dalle tensioni commerciali con gli Stati Uniti e dalla mancanza di stimolo economico.

Si aspettano che il recente peggioramento dell’indice dei prezzi alla produzione pesa sui tassi di inflazione negli Stati Uniti e in Europa, in modo simile a quanto accaduto nel 2014-2016. I prezzi alla produzione in Germania, Giappone, Corea del Sud e Stati Uniti sono già negativi.

I dati diffusi sabato hanno sottolineato il problema, con i prezzi alla produzione cinesi in calo nel quarto mese consecutivo ad ottobre. I costi di input e i prezzi dell’energia sono diminuiti da giugno, riducendo i costi per i produttori. Tuttavia, questi risparmi non hanno aumentato i margini delle aziende in quanto la domanda non è forte e vi è abbondanza di capacità in eccesso, quindi i produttori hanno anche ridotto i prezzi richiesti.

Cosa dicono gli economisti di Bloomberg

“L’approfondimento della deflazione delle fabbriche evidenzia una domanda debole e deprime i profitti per le imprese industriali, limitando la capacità di assumere lavoratori e investire in strutture”.

L’indebolimento dei prezzi delle materie prime è ancora la causa principale della deflazione, e questo sta pesando sui prezzi delle industrie a valle correlate, come i materiali chimici e i tessuti chimici.

David Qu, economista

Vedi qui per la nota completa

Un problema chiave è che mentre i prezzi si sgonfiano, i prestiti non lo fanno, rendendo ancora più difficile per il settore industriale indebitato della Cina far quadrare i conti. Le società private cinesi stanno già inadempiendo le loro obbligazioni al doppio del tasso quest’anno rispetto al 2018 e il governo è preoccupato per la salute del settore bancario.

“La guerra commerciale USA-Cina sta paralizzando la spesa globale in conto capitale e sta generando un enorme shock deflazionistico”, secondo Chua Hak Bin di Maybank Kim Eng Research Pte. a Singapore.

Le tariffe statunitensi stanno dirottando l’eccesso di capacità e offerta della Cina verso i paesi terzi e, secondo Chua, è probabile che un maggior numero di aziende e nazioni subiranno le pressioni deflazionistiche.

Il rischio di deflazione riflette il ruolo più importante della Cina nell’economia mondiale e come per molte industrie sia un fattore di fissazione dei prezzi. Ha rappresentato il 12% del commercio globale totale nel 2018, il più grande paese singolo. Gli shock dei prezzi cinesi hanno rappresentato circa il 6% dell’inflazione media a livello globale, secondo un’analisi del 2016 condotta dagli economisti della Bundesbank.

Simile a quello che è successo nel 2014-2016, un flusso di beni più economici provenienti dalla Cina renderà più difficile per le banche centrali altrove generare inflazione sostenuta. I prezzi al consumo in Giappone, Germania e Stati Uniti sono già al di sotto degli obiettivi di inflazione di circa il 2% all’anno, e ulteriori cali del prezzo delle importazioni e dei produttori renderanno solo più difficile il raggiungimento di tali obiettivi.

Influenza globale .

I prezzi di fabbrica in Cina influenzano l’inflazione ovunque

La Cina è la più grande fonte di importazioni per gli Stati Uniti e il Giappone e la seconda più grande per la Germania, dopo i Paesi Bassi.

L’effetto del calo del prezzo dei beni cinesi esportati si sta già manifestando nei dati di alcuni di quei partner commerciali, con i prezzi di macchinari, metalli, tessuti e prodotti chimici cinesi importati dal Giappone in calo e il prezzo delle importazioni statunitensi anche in declino. Germania e Corea del Sud non forniscono una ripartizione del prezzo delle importazioni dalla Cina.

Deflazione dai rendimenti della Cina

Stati Uniti e Giappone sono le due maggiori destinazioni di esportazione dello stato-nazione della Cina

Oltre al calo del PPI, gli sconti delle società cinesi per compensare le tariffe potrebbero avere un effetto sul prezzo delle merci inviate negli Stati Uniti, e parte del calo dei prezzi all’esportazione è probabilmente dovuto allo indebolimento dello yuan rispetto al dollaro, rendendo cinese beni più economici per le aziende in molti paesi.

Tuttavia, la deflazione dei produttori cinesi non è affatto così grave come il minimo del -5,9% registrato nel 2015, e gran parte dell’attuale calo è dovuto ai prezzi più convenienti di energia e materie prime, secondo Michael Shaoul di Marketfield Asset Management. Se i prezzi dell’energia rimarranno stabili, i prezzi di fabbrica della Cina potrebbero diventare neutrali, ha affermato.

Gli economisti prevedono che i prezzi alla produzione raggiungeranno il fondo nel quarto trimestre prima di riprendersi leggermente.

Per quanto riguarda i prezzi al consumo in Cina, la misura complessiva sta effettivamente aumentando con l’aumento dei prezzi della carne suina che fa salire i costi degli alimenti. Ciò ha causato un aumento dei prezzi globali della pancetta e sta aumentando il costo di altre carni.

“La deflazione della PPI in Cina è il risultato sia dei prezzi delle materie prime deboli sia della debole domanda interna”, secondo Chi Lo, economista della Grande Cina presso BNP Paribas Asset Management. “Il fattore Cina è disinflazionistico a questo punto, ma non deflazionistico.”

– Con l’assistenza di James Mayger, Miao Han, Michelle Jamrisko e Scott Lanman

Fonte: Bloomerg,09/11/2019

Articolo in inglese: China Factories Are Exporting Lower Prices Around the World

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.