Le crescenti preoccupazioni sull’influenza cinese al Consiglio dei Diritti Umani delle Nazioni Unite

Gli attivisti per i diritti umani sono sempre più preoccupati che l’influenza di Pechino abbia un impatto negativo sul lavoro del Consiglio per i Diritti Umani delle Nazioni Unite. Sophie Richardson, del Human Rights Watch (HRW), ha avvertito in un articolo questa settimana che la Cina sta cercando di minare la missione del Consiglio dall’interno.

Sessione del 22° Consiglio dei diritti umani delle Nazioni Unite ,Ginevra 25 febbraio 2013. (AFP)

Ha anche citato la ricerca del HRW nel 2017, che riportava minacce e vessazioni nei confronti del personale U.N. coinvolto nella valutazione dei diritti umani da parte di funzionari cinesi.

“Mentre ci dirigiamo verso la fase finale [della revisione dei diritti umani del U.N. in Cina], chiedetevi: quale altro governo minaccia gli esperti dei diritti umani?” ha twittato Richardson.

“Come membro del Consiglio dei Diritti Umani, la Cina dovrebbe mantenere i più alti standard”, ha scritto in un altro tweet, riferendosi a un rapporto sul New York Times. “Invece semplicemente afferma che partecipare ad un evento è un ‘atto ostile'”.

Secondo l’articolo di HRW del 2017, basato su un rapporto di 97 pagine: “i funzionari cinesi hanno molestato e intimidito il personale del U.N., gli esperti in materia di trattati e gli esperti indipendenti incentrati su specifici problemi dei diritti umani”.

La morte nel 2014 dell’attivista Cao Shunli, detenuta mentre si recava ad un evento dei diritti umani delle Nazioni Unite a Ginevra, ha mandato un messaggio “agghiacciante” agli attivisti cinesi che potrebbero voler partecipare al processo dei diritti umani delle Nazioni Unite.

L’HRW non è l’unica organizzazione per i diritti umani preoccupata dell’influenza cinese presso l’U.N.
Renee Xia, a capo del Chinese Human Rights Defenders (CHRD), ha riferito questa settimana di un evento parallelo alla conferenza del Consiglio per i diritti umani a Ginevra.
“La forte partecipazione è stata notevole soprattutto dopo che i funzionari della Cina sono andati dai diplomatici di molti paesi presso l’U.N., a Ginevra, per minacciarli di gravi conseguenze”, ha scritto in un tweet.

Anche Wang Dan, ex leader del movimento pro-democrazia guidato dagli studenti del 1989 in Piazza Tiananmen, si trova a Ginevra questa settimana.
“Per dirti la verità, i miei sentimenti durante i miei due giorni qui sono che la Cina ha un’enorme influenza. Ad esempio non è stata solo la delegazione cinese che ha parlato contro [le critiche nei confronti dei diritti di Pechino], ma anche altri paesi hanno dato sostegno alla posizione della Cina”, ha detto Wang a RFA.
“Ci sono molte persone online in Cina, ma sono soggette a così tante restrizioni. Non puoi menzionare il massacro di Tiananmen, non puoi menzionare Liu Xiaobo, defunto premio Nobel per la pace e prigioniero politico, non puoi dire questo, non puoi dirlo. Non penso che sia così che definisci la libertà”, ha aggiunto.

Liu Qing, attivista per i diritti umani di New York, ha affermato che il lavoro del consiglio è diventato “irriconoscibile”.
“Molti dei paesi che partecipano al Consiglio dei diritti umani sono in realtà quelli che stanno attuando le maggiori violazioni dei diritti umani. L’unico scopo di questi paesi di insinuarsi nel Consiglio è quello di frenare il ruolo positivo”, ha detto Liu a RFA.

Il blogger di Amnesty International Shao Jiang ha scritto nel dicembre 2018 che Pechino sta reinterpretando i diritti umani universali semplicemente come il diritto alla sopravvivenza, alla libertà di accesso al cibo e considera le altre definizioni dei diritti umani come secondarie al commercio e allo sviluppo economico.
“Il governo cinese ha nominato funzionari governativi come esperti indipendenti nel comitato consultivo del Consiglio e negli organismi del U.N.”, ha affermato Shao.

Durante il recente evento, il governo cinese ha dichiarato di accettare la maggior parte delle 346 raccomandazioni sui diritti umani avanzate dal Consiglio.
Richardson ha scritto in un articolo sul The Hill lo scorso dicembre che l’U.N. riferisce ogni anno sulle rappresaglie contro i difensori dei diritti umani che partecipano agli sforzi delle Nazioni Unite per i diritti umani.

Traduzione a cura della Laogai Research Foundation


Fonte: Radio Free Asia, 15/03/2019

English version,RFA:

Concerns Grow Over Chinese Influence at UN Human Rights Council 

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.