L’avvocato dei diritti umani David Matas sulle denunce dei praticanti del Falun Gong contro Jiang Zemin

Per quasi un decennio il rinomato avvocato canadese per i diritti umani David Matas ha svolto un ruolo fondamentale nell’esporre i crimini contro l’umanità inflitti ai praticanti del Falun Gong dal Partito Comunista in Cina.

Nel 2010 il beneficiario dell’Ordine del Canada e il suo collega, l’ex Segretario di Stato canadese per i rapporti con Asia e Pacifico David Kilgour, sono stati candidati al Premio Nobel per la Pace in virtù delle loro indagini sul prelievo forzato di organi dai praticanti del Falun Gong. Entrambi sono coinvolti nella vicenda fino dall’inizio del 2006, quando è emersa per la prima volta questa orribile notizia.

Matas ha prestato particolare attenzione alla raffica di cause intentate nelle ultime settimane dai praticanti del Falun Gong in Cina contro l’ex leader cinese Jiang Zemin, definendo il fatto uno sviluppo positivo.

Considera anche l’arresto e il perseguimento dei collaboratori di alto rango di Jiang nella persecuzione del Falun Gong, Bo Xilai e Zhou Yongkang, come incoraggianti sviluppi.

Ritiene però che questi ex funzionari di alto rango dovrebbero essere processati per i loro mostruosi crimini nell’aver orchestrato il prelievo di organi dai prigionieri di coscienza del Falun Gong a livello nazionale. Crede che perseguire gli ex funzionari specificatamente per questi crimini potrebbe effettivamente arrestare la persecuzione del Falun Gong in Cina.

Secondo le statistiche di Minghui, tra la fine di maggio e l’11 giugno 2015, in Cina, almeno 3.946 praticanti del Falun Gong e le loro famiglie hanno intentato cause contro Jiang Zemin. In Cina un cittadino ha diritto di sottoscrivere un atto d’accusa per un crimine ed inviarlo a un tribunale per richiedere un processo.

Jiang è stato bersaglio di azioni legali perché, come leader del Partito Comunista Cinese, ha iniziato personalmente la persecuzione del Falun Gong nel 1999, nonostante le obiezioni degli altri membri del Comitato permanente del Politiburo.

Un memorandum rilasciato dai tribunali cinesi a maggio ha fornito ulteriori diritti e tutele ai cittadini e alle loro denunce, incoraggiando così i praticanti del Falun Gong a presentare le loro cause.

L’ondata di azioni legali coincide con la condanna a vita dell’ex capo della sicurezza Zhou Yongkang l’11 giugno di quest’anno con l’accusa di corruzione, abuso di potere e aver divulgato segreti di Stato. Zhou è stato anche uno degli autori principali della persecuzione del Falun Gong.

David Matas (a destra) e un suo lettore in una conferenza stampa in occasione della presentazione del suo nuovo libro “Perché l’hai fatto? – Autobiografia di un avvocato per i diritti umani”

La persecuzione del Falun Gong omessa nei capi d’accusa

Matas ha detto che perseguire Zhou Yongkang e Bo Xilai per i loro crimini contro il Falun Gong avrebbe inviato un messaggio chiaro agli altri personaggi che sono tutt’ora coinvolti nella persecuzione.

“Sono molto pochi i diritti dell’uomo che sono stati rispettati in relazione al Falun Gong”, ha detto. “Il problema con il gruppo di Jiang Zemin non è quello di trovare un crimine, una direttiva o uno standard che hanno violato. Il problema è scegliere quello più mostruoso”.

Matas ha affermato che la repressione del Falun Gong in Cina è stata profonda, sistematica, e pervasiva, “I crimini non sono stati solo quelli di Bo Xilai e Zhou Yongkang. È stata una rete pervasiva che ha coinvolto amministratori di ospedali, guardie carcerarie e personale medico”.

“La domanda è: che cosa potrebbe fermare oggi il prelievo illegale di organi? Se si iniziano a portare davanti alla giustizia i responsabili accusandoli degli abusi sui trapianti, questo potrebbe effettivamente arrestare il fenomeno, perché la gente direbbe: ‘Guardate che succede, corriamo il rischio di venir perseguiti noi stessi se continuiamo così’. Se non si denuncia c’è invece il reale rischio che il fenomeno continui”, ha detto Matas.

“È difficile pensare a qualcosa di brutto che Zhou e Bo non hanno fatto in relazione al Falun Gong, perché la loro brutalità contro il Falun Gong è stata così pervasiva in così tanti modi diversi. Si tratta di violenze estremamente brutali e crudeli”.

“Al fine di evitare il ripetersi di un tale crimine, si deve innanzitutto riconoscere che il crimine esiste, poi bisogna assicurare i responsabili alla giustizia”, ha detto. “L’impunità potrebbe portare a una ripetizione in futuro”.

La Cina necessita di un appropriato sistema giudiziario

Parlando del sistema legale cinese Matas ha commentato: “Teoricamente Jiang dovrebbe essere portato davanti alla giustizia a causa dei crimini commessi. Ciò dovrebbe avvenire con un equo processo e dandogli diritto a una difesa. Quello che è stato fatto a Zhou Yongkong andava bene, ma non è stato processato nel modo giusto e per i reati giusti”.

“Mi piacerebbe vedere un sistema giudiziario adeguato, perché il problema non si risolverà solo portando Jiang Zemin davanti alla giustizia. Stiamo arrivando a un risultato storico e stiamo cercando di evitare che accada di nuovo in futuro, evitando la creazione di un sistema di impunità, in modo da inviare un messaggio chiaro agli altri trasgressori”.

“Jiang Zemin ovviamente non era solo. È stato al vertice di un sistema e c’erano molte persone coinvolte. Qualsiasi accusa che coinvolge Jiang Zemin dovrebbe coinvolgere tutto il sistema… Abbiamo bisogno di una forma di giustizia che arrivi al vertice della verità”.

“Preferirei che sia portato davanti alla giustizia con l’accusa di omicidio dei praticanti del Falun Gong, invece di essere processato per qualcos’altro, perché la giustizia ha scopo educativo. Sarebbe utile tener registrato quello che è successo al Falun Gong, contribuirebbe alla fine della persecuzione”, ha detto Matas.

Jiang ha perseguitato il Falun Gong per guadagnare potere

Matas ha detto che le cause contro Jiang Zemin sono apparse efficaci sinora: “Ci sono buone speranze. Prima di tutto il fatto che vengano consentiti i reclami. Le persone non vengono arrestate per queste proteste. I persecutori più importanti del Falun Gong sono stati condannati, come Zhou Yongkang e Bo Xilai. Sembra che ci sia un movimento contro Jiang Zemin, il persecutore principale”.

“Jiang Zemin è un assassino”, ha detto Matas. “Usa l’assassinio come modo per ottenere potere e per restare al potere. Quello che ha fatto è identificare dei nemici immaginari. Il Falun Gong è stato il suo obiettivo numero uno… Per lui la persecuzione del Falun Gong è stato il veicolo per rimanere al potere. Attraverso l’Ufficio 610 ha costruito una struttura in parallelo alla società in modo da controllare tutto. È diventata una base di potere per lui. Zhou Yongkang e Bo Xilai erano i suoi discepoli”.

Clear Harmony 05/07/2015

English article,Minghuì.org: 

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.