“Lavaggio del cervello” del Partito Comunista nei libri di testo di Hong Kong [video]

Il partito pro-democrazia Demosisto ha riferito che un certo numero di libri di testo e materiale didattico pubblicati da Educational Publishing, che è interamente controllato dall’ufficio centrale di Pechino, contengono informazioni distorte e parziali del movimento Occupy Central del 2014. La discussione comprendeva cinque personaggi, quattro dei quali si opponevano alla disobbedienza civile. I testi sono “prevenuti” e mirati ad un “lavaggio del cervello”.

Foto: Membri di Au Nok-hin e Demosistoscreenshot di Facebook.

I membri di Demosisto e il legislatore Au Nok-hin hanno mostrato esempi di libri di testo per studi liberali, studi generali e storia cinese. Hanno detto che i libri di testo hanno avuto un effetto simile a imporre un’educazione patriottica e hanno sollecitato il governo ad aumentare la trasparenza nel processo di approvazione.

“Quando si descrive la storia, la scelta delle parole è molto importante”, ha detto Au, riferendosi alle polemiche sui libri di storia negli ultimi mesi. “È fondamentale stabilire una credibilità pubblica nel processo di approvazione dei libri di testo.”

In precedenza RTHK riferiva che l’editoria educativa di Hong Kong era controllata indirettamente dall’ufficio di collegamento cinese.

Il gruppo ha anche criticato un libro di testo di storia cinese per descrivere il Movimento del 4 maggio del 1919 come dimostrazione di uno “spirito patriottico”, invece di evidenziare la sua piattaforma politica progressista.

Altri libri di storia cinese, compresi quelli destinati agli studenti delle scuole elementari, descrivono anche l’era coloniale di Hong Kong come “occupazione britannica” e omettono i dettagli della guerra civile cinese.

Una grafica che descrive la Cina come “vittima di bullismo” da parte di potenze straniere. Foto: Demosisto.

L’identità razziale ed etnica era anche un’altra questione, poiché alcuni dei libri di testo sembravano sostenere un’identità nazionale nazionalista.

Il membro di Demosisto Cheng Ka-long ha detto che i libri di testo mostravano sentimenti pro-Cina e costituivano un vero e proprio “lavaggio del cervello” e che l’ufficio in Cina che pubblica questi libri di testo mostra una forma chiara di propaganda ed è contrario all’articolo 22 della Legge fondamentale”. Pertanto Demosisto chiede che [gli editori] ritirino e modifichino le sezioni pertinenti e che l’Ufficio di collegamento interrompa ogni interferenza nell’educazione di Hong Kong”.

Au ha affermato che il comitato di approvazione per i libri di testo dovrebbe coinvolgere insegnanti esperti e che l’elenco dei membri dovrebbe essere reso pubblico. I libri di testo dovrebbero essere esaminati utilizzando un processo parzialmente anonimo simile ad una procedura di selezione delle informazioni effettuata attraverso una valutazione di esperti.

Due versioni di un libro di testo di storia cinese, con una differenza nel modo in cui è stata descritta la guerra civile cinese. Foto: Demosisto.

Hong Kong Free Press ha contattato la Hong Kong Educational Publishing, Marshall Cavendish and Modern Educational Research Society per un commento.

A giugno è stato  riferito che un gruppo di esperti ha respinto alcune frasi contenute in un libro di testo come “formulazione inappropriata”.

Traduzione Laogai Research Foundation


Fonte: Hong Kong Free Press,25/08/2018

Versione inglese: Pro-democracy party slams ‘biased’ Hong Kong textbooks on Chinese history and liberal studies

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.