Il lato oscuro dell’industria cinese.[video-documentario]

Il fotografo Ian Teh ha immortalato la vita nelle città più industrializzate della Cina. Ecco le immagini surreali.

Ian Teh ha voluto far luce sulle condizioni di vita di quei lavoratori cinesi che troppo spesso restano invisibili.

In uno stabilimento di lavorazione dell’acciaio a Tonghua, ad esempio, nel 2013 i lavoratori percepivano uno stipendio mensile pari a 100 dollari e da un report del 2007 della Banca Mondiale è emerso che 750mila persone, nelle città cinesi più industrializzate, sono morte prematuramente a causa dell’inquinamento atmosferico.

La Cina ha un totale di 28mila miniere di carbone, di cui 24mila sono di piccole dimensioni.

Le miniere più piccole sono quelle che generalmente registrano le peggiori condizioni di sicurezza. Il settore industriale sfugge a un solido ed efficace sistema di regolamentazione a causa della pressione esercitata dall’enorme domanda di energia elettrica per far funzionare gli impianti, a seguito del boom economico cinese degli ultimi decenni.

TPI,16 ottobre 2017,Dark Clouds

English article, Dark Clouds-Ian Teh: The hidden side of China’s miracle economy

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.