Categoria: Laogai

La Cina ha avvertito gli altri paesi di non partecipare alla riunione delle Nazioni Unite sulle violazioni dei diritti umani dello Xinjiang – ONG.[Video]

La Cina ha avvertito i delegati delle Nazioni Unite di non partecipare ad un evento del panel sulle violazioni dei diritti umani nello Xinjiang il mese scorso, dove Pechino ha affrontato critiche per aver arrestato un milione di persone appartenenti a minoranze etniche nei centri di “rieducazione” extragiudiziale.

Donna costretta a letto torturata nella prigione femminile di Liaoning

Qiu Sihui, di Anshan, provincia di Liaoning, è stata più volte arrestata per essersi rifiutata di rinunciare alla sua fede nel Falun Gong, una disciplina spirituale perseguitata dal regime comunista cinese. Attualmente è detenuta nel carcere femminile di Liaoning.

Praticante della Falun Dafa muore dopo 14 anni di prigionia

Shanghai, la più grande città della Cina, è allegra ed esuberante. Eppure, dietro lo splendore e la vitalità della metropoli, si celano aberranti crimini e gravi violazioni dei diritti umani, così come in altre parti della Cina.

Liao Yiwu: Salvate la vita del pastore Wang Yi. Rischia di morire come Liu Xiaobo

Il fondatore della Chiesa della Prima pioggia dell’Alleanza, arrestato lo scorso dicembre, è accusato di “sovversione contro il potere dello Stato”. In realtà, egli esige solo una piena libertà religiosa. La sua testimonianza è “una guerra contro il lavaggio del cervello”, e per strappare la cultura e il popolo cinesi dalla banalità del materialismo: una guerra per “l’anima”.

Cina. «Il regime ha arrestato la mia famiglia di 22 persone. Non so neanche se sono vivi. [Video]

La storia drammatica di Abdurahman, musulmano uiguro del Xinjiang. «Su internet è circolato un video: indottrinavano in prigione mio figlio di quattro anni. Ho paura che gli insegnino che io sono il suo nemico»

Lo sfruttamento della persecuzione: i lavori forzati in Cina

 

Prigionieri religiosi ai lavori forzati per produrre abiti o elettronica, in condizioni disumane: 12 ore al giorno, senza né vero cibo né cure mediche, torturati.

Camicia di forza comunemente usata nella prigione femminile di Hunan

Le camicie di forza, un’invenzione di oltre 200 anni fa che aveva lo scopo di impedire a una persona mentalmente instabile di fare del male a se stesse e agli altri, vengono usate nelle carceri cinesi come dispositivi di tortura sadica.