La trappola del debito in Sri Lanka come progetto egemonico cinese

Stimato a quasi 8 trilioni di dollari, il progetto cinese della BRI mira a costruire una vasta rete di infrastrutture di trasporto, energia e telecomunicazioni che collegano l’Europa, Africa e Asia. Questo finanziamento delle infrastrutture servirà anche al conseguimento dei principali obiettivi economici di politica estera e di sicurezza del governo cinese e dei 115 governi partecipanti.

A tale proposito è estremamente significativo il caso dello Sri Lanka nei cui confronti la Cina sembra avere posto in essere una strategia volta a strangolare gradualmente questa nazione attraverso il debito.

Come è ampiamente noto nel 2007, lo Sri Lanka ha accettato di affidare a Pechino la costruzione di un porto nella città di Hambantota. Sebbene gli studi di fattibilità abbiano concluso definitivamente che il progetto non è redditizio, Pechino ha rilasciato una linea di credito di 307 milioni di dollari nel 2010, a condizione che i lavori fossero affidati a una società cinese e cioè la China Harbor. I funzionari e i politici dello Sri Lanka hanno ricevuto tangenti per concedere transazioni e finanziare le loro campagne politiche. Due anni dopo, Colombo – la capitale dello Sri Lanka – ottiene un nuovo prestito di 757 milioni di dollari, a condizione che il tasso di interesse raggiunga un livello molto elevato e cioè il 6,3%. Nonostante ciò Colombo accetta pensando di poter ricavare numerosi benefici dalla operazione portuale, mentre Pechino potrebbe avere uno snodo strategico nell’Oceano Indiano attraverso il quale transitano gran parte delle navi commerciali cinesi in Europa. Ma nel 2015 l’operazione del porto è un fiasco commerciale e lo Sri Lanka finisce per avere un debito di oltre 8 miliardi di dollari dalla Cina per diversi progetti infrastrutturali nel paese. Lo Sri Lanka dimostra di essere Incapace di rimborsare un debito così alto e quindi Pechino rifiuta una ristrutturazione del prestito e, nel dicembre 2017, dopo due anni di trattative, Colombo accetta finalmente di cedere alla Cina lo sfruttamento del porto di Hambantota per un periodo di 99 anni in cambio della cancellazione di poco più di 1 miliardo di dollari dei prestiti concessi .

Se al momento della concessione portuale l’indebitamento cinese rappresentava solo il 10% dei 46,5 miliardi di prestiti totali contratti, lo Sri Lanka ha accumulato ben 15,3 miliardi di debito.

Il problema del debito dello Sri Lanka consiste quindi sia nell’evitare il default sia nel rispettare i propri obblighi nei confronti di investitori e finanziatori internazionali con l’aiuto di prestiti esterni, sempre più costosi. Di fronte alle crescenti aspettative degli elettori – e incapaci di attuare politiche per attrarre flussi di capitale non generatori di debito, migliorare la produttività e conseguire una crescita sostenuta – i successivi governi dello Sri Lanka hanno approfittato del debito a basso costo per finanziare deficit di bilancio persistenti. Oggi, il paese è coinvolto nel classico circolo vizioso di prestiti sempre crescenti per pagare i debiti passati e finanziare i deficit attuali.
Il caso dello Sri Lanka dimostra che i progetti cinesi non mirano realmente a sostenere l’economia locale, ma a facilitare l’accesso alle risorse naturali e / o l’apertura del mercato per i prodotti cinesi di esportazione. In molti casi, la Cina impone le sue imprese statali, inclusi lavoratori e ingegneri, riducendo al minimo il numero di posti di lavoro locali creati. I prestiti cinesi sono spesso erogati in parte in natura (trattori, consegne di carbone, servizi di ingegneria) ma soprattutto sotto forma di rimborso in dollari, costringendo in tal modo a cercare un surplus commerciale elevato per ripagarli, mentre le riserve valutarie dello stato che chiede il prestito si sono esaurite.

D’altra parte la Cina deve anche garantire la crescita della sua economia stimolando il settore delle costruzioni e vuole creare opportunità per le sue società di lavori pubblici. Pertanto, per superare un grave problema di sovrapproduzione di acciaio, cemento e attrezzature ferroviarie, il BRI offre alla Cina un’opportunità ben pianificata per esportare i suoi beni e fare crescere la sua economia. Attraverso questa strategia multidimensionale, il Dragone promuove le sue aziende e i suoi dipendenti, vende i suoi prodotti e servizi per la costituzione di infrastrutture ma nel contempo pone in essere infrastrutture militari a livello globale anche per limitare o contenere l’egemonia globale americana.

Secondo il Center for Global Development, la BRI sta “aumentando” in modo significativo il rischio di strangolare otto paesi: Mongolia, Laos, Maldive, Montenegro, Gibuti, Tagikistan e Kirghizistan. Insolventi, le Maldive dovettero persino modificare la Costituzione per concordare la vendita di diverse isole alla Cina in cambio di un prestito troppo costoso. La Malesia è stata costretta a rivedere i suoi impegni annullando tre investimenti per un valore di 22 miliardi di dollari sostenendo di non avere la capacità di rimborsare il finanziamento cinese .Per quanto riguarda il Pakistan, che ospita un collegamento di 54 miliardi di dollari tra la Cina e il porto di Gwadar, il paese è sull’orlo dell’insolvenza, e cioè ha indotto il Fondo monetario internazionale a raccomandare di promuovere la collaborazione tra i creditori ufficiali per gestire i casi di ristrutturazione del debito che coinvolgono istituti di credito non tradizionali.

In risposta alle critiche e alla corruzione, la Cina ha preso provvedimenti per rassicurare i suoi partner e la comunità internazionale. Il Ministero delle finanze cinese ha concordato con le principali istituzioni finanziarie multilaterali di creare una nuova piattaforma di cooperazione.

Nel 2017, la Cina si è anche impegnata a seguire sia le linee guida operative del G20 per il finanziamento sostenibile sia i principi del G20 per gli investimenti nelle infrastrutture , che contengono disposizioni sul debito, tra cui il rispetto delle politiche della Banca mondiale e del FMI per i paesi con un elevato onere debitorio.

In conclusione, al di là delle promesse di cooperazione con i principali organismi internazionali, è indubbio che il progetto cinese dal carattere multidimensionale sia finalizzato a conseguire una egemonia globale sul piano economico in primo luogo e in secondo luogo in ambito militare anche allo scopo di ridimensionare profondamente gli equilibri mondiali in funzione antiamericana.

Fonte:Start Magazine,30/11/2019

English article,Business Standard:

Sri Lanka leased Hambantota port to China for 99 yrs. Now it wants it back 

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.