La Shell dichiara guerra… alla Cina. (Su suolo nigeriano)

Abbiamo giusto fatto in tempo a divertirci sulla classifica delle multinazionali che contano quanto interi Paesi, che ci tocca subito diventare seri e confrontarci con le conseguenze.Una di esse davvero stupisce, anche se tutto sommato non deve suonarci troppo inaspettata. La Shell ha infatti appena rilasciato le seguenti dichiarazioni:

La Royal Dutch Shell combatterà ogni possibile sforzo del governo nigeriano vòlto a cedere il controllo dei suoi giacimenti in Nigeria alle compagnie cinesi. “Di una cosa potete essere sicuri: che noi e tutta l’industria petrolifera difenderemo i nostri interessi.”

Così il capo del settore finanza Shell. Càspita, se simili minacce fossero partite da uno Stato l’ONU sarebbe già in fermento. D’altronde, prima o poi dovevano succedere entrambe le cose: che le compagnie occidentali si scontrassero da qualche parte con la Cina, che da tempo fa la spesa di petrolio in tutto il mondo, e che le compagnie private si stufassero delle sempre più numerose e aggressive compagnie statali.

Quel che dispiace, è che simili guerre si facciano sulla pelle di Paesi terzi, la cui unica disgrazia è quella di essersi ritrovati il petrolio nel proprio sottosuolo.

Petrolio uno sguardo dal picco

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.