La principale fonte per trapianti organi sono i condannati a morte

I condannati a morte sono la principale fonte che garantisce gli organi per le operazioni di trapianto in Cina. Lo ha dichiarato il viceministro della sanità cinese Huang Jiefu al quotidiano Fazhi Ribao spiegando che si deve ricorrere ai condannati a morte per mancanza di volontari. La cina ha proibito nel 2007 il commercio di organi umani e lanciato una campagna per sollecitare la donazione di organi ma questa non ha avuto l’effetto sperato. Nel paese vengono realizzata circa 10.000 trapianti l’anno mentre le persone in attesa di un organo sono circa 1,3 milioni.Quanto al numero delle esecuzioni effettuate nel paese non esiste una cifra ufficiale – le autorità non la rendono nota – ma secondo un gruppo per i diritti umani, Homme Duihua (Dialogo), dovrebbero essere circa almeno 4.000.

Fonte: TM News, 7 marzo 2012

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.