La polizia cinese strappa i vestiti a un avvocato durante l’udienza

Tre agenti lo hanno immobilizzato e spogliato per sequestrargli il telefonino. Le scuse del governo: «Ma non c’è stata aggressione al legale».

L’avvocato Wu Liangshu è uscito da un tribunale di Nanning, nella provincia di Guangxi, con i vestiti strappati e qualche graffio sul corpo. Il legale stava discutendo una causa civile quando i poliziotti di servizio gli hanno intimato di consegnare il suo smartphone. Pensavano che stesse filmando il dibattimento. L’avvocato ha negato il fatto e rifiutato. Gli agenti allora gli hanno messo le mani addosso e lo hanno praticamente spogliato, staccandogli i bottoni della camicia e strappandogli i pantaloni. In aula erano presenti due magistrati che non hanno battuto ciglio. Uscito dall’aula l’avvocato si è fatto fotografare e ha diffuso le immagini sul Web: ne è nato un caso (presto censurato sul Web). Un migliaio di legali cinesi ha formalmente protestato per «l’abuso di potere barbaro e violento».

“Aggressione non intenzionale”

Alla fine le autorità di Nanning hanno ordinato alla corte di scusarsi con il dottor Wu (in Cina i tribunali sono soggetti al potere politico). Ma nel comunicato, il governo di Nanning sostiene che «l’avvocato non è stato oggetto di aggressione fisica intenzionale». In questa versione governativa si legge che «i tre poliziotti di servizio hanno preso il telefonino in un minuto e nell’azione di forza i pantaloni dell’avvocato si sono strappati, perché gli agenti hanno dovuto tenerlo dalle spalle, forzarlo a terra, mettergli un piede sul petto per impedirgli di muoversi. Lo scopo dell’azione era di controllare se con il telefonino fossero state fatte riprese e registrazioni illegali del dibattito in aula. E ogni azione restrittiva è cessata appena gli agenti hanno avuto il controllo dello smartphone. Non c’è stata aggressione intenzionale».

Intimidazioni e arresti arbitrari
 .
Le associazioni dei diritti civili hanno denunciato un’ondata di intimidazioni ai danni degli avvocati in Cina quest’anno, con un centinaio di arresti arbitrari. Le foto dell’avvocato Wu con i vestiti strappati e il comunicato delle autorità spiegano molto sul clima che si respira nel sistema giudiziario della Repubblica popolare cinese.
Corriere della Sera,08/06/2016
 .
English article,BBC News:

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.