La polizia cinese prende di mira attivisti che hanno sostenuto le proteste di Hong Kong

Le autorità della provincia cinese meridionale del Guangdong hanno arrestato un attivista per i diritti che ha espresso dissenso online ai piani di Pechino per la intransigente  legge sulla sicurezza nazionale a Hong Kong.

 

 

Xiao Yuhui (nella foto) è stata prelevata da casa sua dalla polizia nella città di Huizhou, nel Guangdong, dopo aver ritwittato un post sui social media che si opponeva al piano di imporre direttamente una legge che proibiva la sedizione, la sovversione, le interferenze straniere e le attività a sostegno dell’indipendenza della città che deve essere fatta rispettare dalla polizia di stato cinese.

L’amico attivista  di Xiao, Liao Jianhao, ha riferito a RFA che la sua famiglia quando è stata informata della sua detenzione  è andata all’ufficio di polizia per avere chiarimenti.  La polizia ha negato la visita alla loro figlia aggiungendo che sarebbe stata trasferita in un luogo non precisato, nei prossimi tre giorni in Cina, e che questa procedura è prassi normale per questo tipo di crimini.

Liao ha detto che Xiao è stata arrestata dopo aver ritwittato un post che si riferiva a una campagna di lettere online del quotidiano democratico di Hong Kong, l’ Apple Daily , in opposizione alla legge sulla sicurezza nazionale. Anche la persona che originariamente ha pubblicato il link  in un gruppo WeChat è stata arrestata. Questa donna è stata ora rilasciata su cauzione in attesa di processo.

Xiao è un veterana attivista per i diritti umani e una esperta nella ormai defunta politica cinese di pianificazione familiare “del figlio unico”.

È stata arrestata dalla polizia per presunte accuse di “frode tramite carta di credito” nel 2016 e ha ricevuto una condizionale.

Ma da allora ha mantenuto un basso profilo, e il collega attivista Liang Songji ha detto che la sua detenzione ha mostrato quanto il Partito Comunista Cinese al potere si stia preparando a reprimere chiunque si opponga alla legge sulla sicurezza nazionale di Hong Kong.

Stanno cercando di bloccare chiunque o qualsiasi opinione a sostegno della lotta di Hong Kong per la democrazia.

Anche l’avvocato per i diritti umani Wu Kuiming è stato convocato presso la stazione di polizia per rilasciare una dichiarazione in merito al post offensivo.

“Wu Kuiming è anche membro del gruppo WeChat: “Questo significa che stanno prendendo delle dichiarazioni come prova e hanno maggiori probabilità … di incastrare Xiao Yuhui.”

Anche un poeta è stato arrestato

Nel frattempo, la polizia nella provincia sud-occidentale dello Yunnan ha arrestato il poeta Wang Zang,  anche lui ha mostrato sostegno pubblico al movimento democratico di Hong Kong.

Wang è stato prelevato il 30 maggio dalla polizia del dipartimento di polizia della zona di sviluppo economico di Chuxiong nella prefettura autonoma di Chuxiong Yi dello Yunnan. È stato rilasciato dopo essere stato detenuto per 12 ore e potrebbe essere accusato di sovversione.

“La moglie di Wang, Wang Li ha detto su WeChat che la polizia locale è venuta per accusarlo … 40 poliziotti  sono stati incaricati della sua sorveglianza e non può fare nessuna telefonata.

La polizia ha sequestrato il passaporto, la carta d’identità e i telefoni cellulari della famiglia Wang Zang e la famiglia è attualmente agli arresti domiciliari.

L’attivista per i diritti di Pechino Hu Jia ha dichiarato che la detenzione di Wang è arrivata alla vigilia dell’anniversario politicamente  del massacro di Tiananmen del 4 giugno 1989. Wang Zang  ha sempre manifestato la sua preoccupazione per Hong Kong. Ma non credo che abbia pubblicato delle cose che potrebbero supportare accuse penali da parte delle autorità.

Wang, originario dello Yunnan, era precedentemente residente nel villaggio degli artisti Songzhuang di Pechino, e in precedenza è stato preso di mira con ripetuti sfratti forzati per aver mostrato supporto online per il movimento Occupy Central del 2014 a Hong Kong.

Traduzione di Arcipelago Laogai: in memoria di Harry Wu

Fonte : RFA, 01/06/2020

Noi di Arcipelago laogai: in memoria di Harry Wu siamo diversi dagli altri media perché abbiamo scelto di non farci influenzare da nessun governo, società o partito politico. Il nostro unico obiettivo è di fornire ai nostri lettori informazioni accurate e reali in un clima responsabile. Non seguiamo la tendenza asservita dell’odierno ambiente mediatico del giornalismo, che insegue scopi politici di pura propaganda e non di una corretta e trasparente informazione.

Versione inglese:

Chinese Police Target Activists Who Supported Hong Kong Protests 

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.