“La peggiore forma di tortura che abbia mai sperimentato”: la guerra cinese contro il buddismo tibetano

La condanna della Cina da parte dell’Occidente è stata imbavagliata a favore della protezione degli interessi commerciali, ma il controllo sociale, la sorveglianza e la repressione dell’autodeterminazione tibetana continuano, scrive Brian McGleenon

Il sistema cinese di etnocidio è nato in Tibet sotto le ambizioni del funzionario del partito Chen Quanguo. Questo progetto per l’annientamento culturale è stato poi maturato nello Xinjiang quando è stato inviato lì come governatore nel 2016. Ma, a differenza dello Xinjiang, dove le testimonianze di incarcerazioni di massa e torture della minoranza etnica uigura spesso raggiungono il mondo esterno, la regione autonoma del Tibet è completamente chiusa spento.

L’altopiano è fuori dai limiti per la stampa straniera e i tibetani che tentano di comunicare la loro lotta alla comunità internazionale devono affrontare la detenzione extragiudiziale per aver commesso “crimini di indebolimento della stabilità sociale e incitamento al separatismo”. Questa mancanza di accesso significa che solo sussurri di tormento raggiungono le orecchie di coloro che si trovano oltre le pareti delle montagne del Tibet. Sussurri che raccontano di monaci confinati nella lenta agonia della “sedia della tigre”, bambini separati dalle loro famiglie e inviati a scuole di formazione professionale militarizzate, e campi di lavoro forzato dove centinaia di migliaia di persone stanno vedendo la loro cultura e identità sconfitte.

Lo status del Tibet nell’agenda delle notizie globali si è gradualmente attenuato dalla rivolta del 2008. Le proteste contro la persecuzione del governo cinese contro i tibetani erano programmate in concomitanza con le Olimpiadi estive del 2008 a Pechino. Il tentativo da parte di monaci, monache e tibetani non monastici di attirare l’attenzione dei media internazionali sulla loro difficile situazione è stato accolto da una brutale repressione da parte dell’esercito e della polizia cinesi. Tuttavia, da allora, la condanna dei governi occidentali è stata imbavagliata a favore della protezione degli interessi commerciali con Pechino e persino il grido di battaglia di Hollywood “Tibet libero” si è esaurito, lasciando Richard Gere solo ed esposto nel suo attivismo.

Inoltre, la tragedia che si sta svolgendo nella provincia cinese più occidentale dello Xinjiang, con il genocidio culturale degli uiguri, ha eclissato la situazione sul “tetto del mondo”. Ma la mancanza di copertura non significa che la questione dell’autodeterminazione tibetana sia stata conclusa. Negli ultimi dieci anni, la Cina ha sviluppato sistematicamente i suoi meccanismi di controllo sociale in Tibet, basandosi sulle basi stabilite da Chen Quanguo e sotto l’occhio geloso di Xi Jinping ossessionato dalla sicurezza. Questo rinnovato sforzo del Partito Comunista Cinese ( PCC) arriva mentre il mondo del buddismo tibetano si prepara per la scomparsa dell’attuale Dalai Lama e il riconoscimento della sua reincarnazione.

Il vice presidente della Campagna internazionale per il Tibet, Bhuchung Tsering, mi dice che la recente intensificazione dell’apparato di sicurezza in Tibet è focalizzata sull’assicurare la “completa sinizzazione del buddismo tibetano al momento della successione del prossimo Dalai Lama”. L’attuale Dalai Lama, che ora ha 85 anni, ha iniziato a implementare il quadro tradizionale per trovare e inaugurare la sua reincarnazione.

Chen Quanguo ha portato in Tibet l’etnocidio che ha sviluppato nei campi uiguri dello Xinjiang

Da quando è fuggito dalla Cina nel 1959 e ha istituito un governo in esilio in India, si prevede che la sua reincarnazione sarà trovata in India, al di fuori del controllo del PCC. Tuttavia, il PCC ha insistito sul fatto che tutte le decisioni spirituali buddiste tibetane passano sotto il controllo del partito e insistono sul “controllo totale del processo di selezione del prossimo Dalai Lama”. In passato, il PCC ha cercato di schiacciare il buddismo tibetano con l’uso della forza e della propaganda. La rivoluzione culturale della Cina dal 1966 al 1976 ha causato enormi traumi alla cultura tibetana.

Le Guardie Rosse cinesi hanno localizzato e bruciato fanaticamente i “Quattro Vecchi”, vecchi costumi, vecchia cultura, vecchie abitudini e vecchie idee, ovunque si potessero trovare. Il periodo ha visto pestaggi pubblici di routine di monaci e monache etichettati come “controrivoluzionari” e molti dei monasteri rimasti in Tibet sono stati ridotti in macerie da artiglieria e dinamite.

Ma il buddismo tibetano era qualcosa di più delle sue scritture, siti monastici e antichi manufatti. Accolse il violento assalto con un’accettazione unica e lentamente lo espirò relativamente senza macchia. Di fronte a questa capacità di recupero, Pechino ha cambiato rotta, decidendo invece di prendere possesso di ciò che non potevano distruggere. I quadri comunisti sono ora coinvolti in ogni minuzia della gerarchia organizzativa buddista tibetana.

Ogni monastero tibetano ha ora un comitato di gestione nominato dal PCC che controlla e dirige i chierici. Bhuchuang mi racconta di come i comitati di gestione stiano insidiosamente “cambiando la natura del buddismo tibetano”. Aggiunge: “Gli obiettivi spirituali ora non sono la prima priorità all’interno del monastero, il nuovo sistema è politico e la lealtà al partito è la prima priorità, lasciando tutte le priorità spirituali sottomesse ai dettami del PCC”.

Bhuchung descrive come Pechino abbia promulgato una nuova procedura per garantire il controllo del processo di reincarnazione prima dell’uscita dell’attuale Dalai Lama da questo mondo. Il politburo ha creato un database di “Buddha viventi” a cui è permesso riconoscere il Dalai Lama appena reincarnato, e non sorprende che l’attuale Dalai Lama non sia sulla lista. Questo database sposta l’autorità spirituale dai monaci nei monasteri al PCC, che nomina i “permessi del Buddha vivente”.

In questo modo, stanno seminando la corruzione sistemica e la concorrenza all’interno dei monasteri per l’accesso ai permessi. La protezione dei principi dell’unificazione dello Stato cinese è un criterio essenziale per ottenere un permesso. L’unificazione del Tibet sotto il giogo della grande Cina è essenziale per gli obiettivi geopolitici a lungo termine di Pechino. La Cina vede il Tibet come il suo “palmo destro” con le cinque dita del palmo che si estendono in Ladakh, Nepal, Sikkim, Bhutan e Arunachal Pradesh. Pechino conserva ancora l’ambizione a lungo termine di Mao Zedong, che ha promesso di “liberare” queste regioni.

Quest’anno, nella sua ricerca, il professor Adrian Zenz della Scuola europea di cultura e teologia di Korntal, in Germania, ha rilevato un aumento della sorveglianza e infrastrutture di sicurezza di tutti i tipi sul vasto altopiano. Questo processo è stato rilevato anche da Buchung, che mi dice che recentemente “c’è stato un movimento costante per prendere nomadi dalle loro terre per concentrarli in centri centralizzati”. La cartolarizzazione di Pechino delle regioni rurali comprende programmi di formazione centralizzata per pastori rurali e collegi obbligatori per i loro figli. La cartolarizzazione prevede anche maggiori vie di trasporto arteriose adatte agli spostamenti di grossi corpi di truppe e mezzi militari. Sono stati compiuti grandi sforzi per rafforzare il confine fragile con il subcontinente indiano, dove sono stati installati postazioni di sorveglianza digitale e monitor termici.

L’attore Richard Gere mostra l’immagine di un monaco tibetano che si è autoimmolato di recente mentre testimonia durante un’audizione a Washington sulla politica degli Stati Uniti nei confronti del Tibet.

Lo studio del 2020 del professor Zenz sulla concentrazione forzata di “lavoratori rurali in eccedenza” in campi centralizzati “in stile militare” descrive centinaia di migliaia di pastori e agricoltori sottoposti a “educazione al pensiero” per sradicare il “pensiero arretrato”. I tibetani rurali vengono spogliati dei loro abiti tradizionali, vestiti con divise militari e “trasformati” per le esigenze di lavoro di aziende private e imprese statali. Il processo spietato è tutto supervisionato sotto gli occhi impazienti dei sergenti addestratori della polizia armata popolare.

Il rapporto del PCC sulla riduzione della povertà per il Tibet descrive i campi come un tentativo di raggiungere due obiettivi, “attenuare l’influenza negativa della religione” e cancellare la “debole disciplina del lavoro” dei tibetani. Postulando come politiche di riduzione della povertà, agricoltori e pastori vengono trasformati per diventare leali lavoratori salariati comunisti. Quando un lavoratore viene “riqualificato”, agenzie private e aziende traggono profitto dai sussidi per trasferire il nuovo pool di lavoro in eccedenza nelle regioni che ne hanno bisogno.

Per quelli distribuiti in Tibet, le agenzie ricevono 300 yuan (£ 34) per ogni lavoratore, e per quelli trasferiti nella grande Cina, le agenzie ricevono 500 yuan per ogni trasferimento. Parlando dei nuovi campi per la concentrazione dei tibetani rurali, il professor Zenz dice: “Se diventare lavoratori salariati o no, non c’è scelta. La logica alla base del progetto è che le persone sparse a distanza sono più difficili da controllare rispetto agli operai centralizzati “. Aggiunge: “È il più grande attacco ai mezzi di sussistenza tibetani dai tempi della Rivoluzione culturale”.

Nel 1966 le scritture buddiste a Lhasa furono bruciate come parte della campagna contro i “Quattro Vecchi”: vecchie usanze, vecchia cultura, vecchie abitudini, vecchie idee.(Tsering Woeser tramite il Museo del Tibet)

Statue, manufatti e altri oggetti religiosi nel tempio di Jokhang furono distrutti con lo slogan “distruggi i quattro vecchi” dalle Guardie Rosse.(Tsering Woeser tramite il Museo del Tibet)

Il professor Zenz spiega anche come lo stato abbia inviato “squadre di quadri di villaggio” per spezzare il lignaggio, le radici, l’origine e il legame culturale tibetano sull’altare dei valori socialisti e della modernità. Un focus particolare è quella “macchia profondamente radicata” del punto di vista del mondo del buddhista tibetano, l’antitesi della metodologia del materialismo dialettico del PCC. Le squadre di quadri si sono disseminate in gruppi di quattro o più attraverso il vasto altopiano per essere “costantemente di stanza” negli oltre 5.000 villaggi del Tibet. Il compito è fare delle regioni remote “fortezze nella lotta al separatismo”. Sotto l’occhio vigile dei quadri, le persone delle zone rurali sono reticenti a pregare in pubblico e funzionari comunisti visitano le case famiglia per sradicare la devozione che potrebbe avvenire a porte chiuse.

Nelle vaste aree rurali del Tibet è stata attuata una politica chiamata “famiglie a doppio legame”, in cui i quadri che perseguitano gli insediamenti remoti incoraggiano le famiglie a rivoltarsi a vicenda e segnalare qualsiasi mancanza di lealtà o “atti di secessione” al locale. autorità. Kelsang Dolma, ricercatore politico dell’Ufficio del Tibet con sede negli Stati Uniti, mi parla di questo “sistema sociale orwelliano” in cui “i funzionari del PCC spiano i tibetani e poi entra in gioco la politica delle” famiglie a doppio legame “, dove circa 10 famiglie tibetane sono” legate “insieme e ordinato di riferirsi e tenersi in riga ”. La politica insidiosa è progettata per svelare il tessuto sociale di queste comunità strettamente legate.

Il professor Zenz descrive un diverso sistema di cartolarizzazione nelle aree urbane come Lhasa e la seconda città del Tibet, Shigatse. Nelle città c’è stato un rafforzamento delle “stazioni di servizio” sviluppate per la prima volta dal meticoloso Chen Quanguo. Queste stazioni di polizia in cemento a uno e due piani dividono i paesi e le città in vaste reti. Nella capitale tibetana di Lhasa, le due più vicine di queste stazioni distano solo 15 metri l’una dall’altra. I posti di convenienza esistono anche in ogni monastero.

Il vicepresidente Bhuchung ha dichiarato: “Le autorità si sono totalmente affermate in ogni aspetto della vita in Tibet per monitorare e ridurre alla sottomissione il nucleo del buddismo tibetano, in particolare con l’introduzione di ‘posti di comodo’ nei monasteri”. Il professor Zenz dice: “Il sistema di rete nelle aree urbane è progettato per sezionare ogni blocco urbano e quartiere e collegare le famiglie per riferirsi l’un l’altro all’apparato di sicurezza”.

Il settimo Tibet Work Forum, tenutosi a Pechino alla fine di agosto, ha visto la leadership cinese espandere la sua politica di totale controllo e assimilazione in Tibet. Il forum era intitolato “Strategia di governo del Tibet nella nuova era” e sottolineava che le organizzazioni e i membri del PCC a tutti i livelli potessero “affrontare le grandi lotte” e qualsiasi sfida al potere del partito. C’era una notevole enfasi sulla frase “solidarietà etnica”. Il forum ha rafforzato la necessità per la Cina di sinicizzare completamente il Tibet prima del processo di successione per scegliere il prossimo Dalai Lama. Il significato dell’evento è stato segnato dal fatto che Xi Jinping e l’intero comitato permanente del politburo erano presenti.

Tuttavia, lo sviluppo più inquietante alla riunione di alto livello è stata l’ammissione che gli sforzi per convertire i tibetani ad amare la “madrepatria cinese” erano falliti. Il presidente Xi Jinping ha aperto l’incontro affermando che la nuova priorità era “mantenere l’unità della madrepatria e rafforzare l’unità nazionale”. Il leader cinese ha insistito che ci sarebbe stato un nuovo impulso per rivedere la storia delle relazioni tra Tibet e Cina che molti della popolazione avevano “sbagliato”.

Xi ha affermato che il popolo tibetano sarebbe presto “giunto a una corretta visione del paese, della storia, della nazionalità, della cultura e della religione”. La Cina comunista ha ereditato il tradizionale tallone d’Achille che ha afflitto ogni dinastia cinese, la perdita di stabilità, la grande paura che il centro non regga. Al Forum del lavoro il presidente Xi ha affermato il suo impegno ad andare avanti con “uno scudo di ferro per salvaguardare la stabilità in Tibet”. Il patriottismo sarebbe ora incorporato in ogni scuola. Il buddismo tibetano verrebbe riformulato in un “contesto cinese” e il pubblico sarebbe tenuto a partecipare alla “lotta contro le attività separatiste”.

Le politiche delineate all’ultimo Forum del lavoro hanno implicazioni di vasta portata per la vita dei tibetani comuni. Le proposte amplificheranno l’oppressione sulle strade di Lhasa o sui pascoli del Tibet centrale. Un esempio di tale oppressione è l’esperienza del monaco tibetano Jigme Gyatso, che è fuggito dalla sua prigionia ed è riuscito a ottenere l’asilo politico in Svizzera. Il racconto straziante della sua tortura per mano dei funzionari della sicurezza cinese ci ricorda come i radicali decreti totalitari possono manifestarsi come un incubo per quegli individui che sono intrappolati nel mirino dello Stato.

In Cina, quando una persona viene classificata come secessionista perde la “protezione dello Stato” e diventa una non persona senza ricorrere alla rappresentanza legale e senza diritti. Jigme si è trovato faccia a faccia con questa realtà quando ha parlato con un documentarista del Dalai Lama. Per quasi un mese è stato costretto a sedere sulla famigerata “sedia della tigre”, giorno e notte (la Cina afferma che la sua sedia di tortura è comoda e viene utilizzata per evitare che i prigionieri si feriscano). Il confinamento sulla sedia anche per poche ore fa sì che il sangue si raccolga nelle gambe e nell’addome inferiore provocando il gonfiore della parte inferiore del corpo. Jigme vi è rimasta confinata per 22 giorni. Parlando a un comitato delle Nazioni Unite, ha descritto come “è stata la peggiore forma di tortura che ho sperimentato durante le mie tre detenzioni.

Jigme ha passato tutto questo per il suo incrollabile impegno nei confronti del Dalai Lama. Attraverso la loro cancellazione di tutte le immagini e riferimenti all’attuale Dalai Lama, e attraverso la loro infiltrazione nei monasteri buddisti tibetani, il PCC spera di sfruttare la devozione di monaci come Jigme. Hanno la possibilità di dirigere la fedeltà della giovane generazione di tibetani. Un’opportunità per deviarlo sottilmente all’amore per la madrepatria, che si traduce in amore per il PCC. Dopo tutto, il partito valorizza la devozione sopra ogni altra cosa.

Traduzione di Arcipelago laogai: in memoria di Harry Wu

Versione inglese:

‘The worst form of torture I experienced’: China’s war against Tibetan Buddhism

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.