La Nuova Via della Seta è il progetto più rischioso della Storia

Epoch Times, 4 giu 18
William Laurance, professore emerito dell’Università australiana James Cook ed esperto di ambiente di fama mondiale, ha affermato che i progetti che la Cina intende realizzare su tre continenti, rappresentano l’iniziativa più rischiosa che sia mai stata intrapresa: «La Cina ha enormi ambizioni, ma queste comportano enormi responsabilità».

Laurance, insieme a un gruppo di scienziati internazionali, in un articolo pubblicato su Nature Sustainability, ha chiesto alla Cina di pianificare rigorosamente una strategia, prima di procedere col proprio progetto ‘One Belt, One Road’ o Obor, denominato anche ‘Nuova Via della Seta’.

L’enorme progetto prevede, infatti, la costruzione di una «cintura» terrestre di strade e binari tra l’Asia e la Russia, affiancata da una «rotta» marittima, che permetta al Regno di Mezzo di raggiungere l’Africa attraverso il Mar della Cina e l’Oceano Indiano. Si prevede la costruzione di strade, porti, linee ferroviarie e zone industriali in 65 Paesi: secondo gli esperti, entro la metà del XXI secolo l’Obor potrebbe comportare 7 mila progetti di infrastrutture, per un totale di investimenti stimati tra i 4 e gli 8 mila miliardi di dollari.

Secondo il Wwf, l’iniziativa della Cina potrebbe interessare oltre mille e 700 aree critiche per la biodiversità, e centinaia di specie in via di estinzione. Laurance spiega: «La Cina sostiene che la Nuova Via della Seta sarebbe un modello di sviluppo responsabile, ma questo richiede che cambi radicalmente il suo modo di gestire gli affari a livello internazionale. […] Una moltitudine di compagnie e finanziarie cinesi che operano all’estero sono scarsamente controllate dal loro governo, perché la maggior parte sono altamente redditizie. […] Negli ultimi due decenni, ho visto innumerevoli esempi di sfruttamento aggressivo e predatorio da parte di imprese cinesi, soprattutto nei Paesi in via di sviluppo e con scarso controllo sull’ambiente».

Gli autori della pubblicazione affermano che la Cina ha ora un’opportunità unica per cambiare modello di sviluppo, e diventare un leader mondiale nello sviluppo sostenibile.
Laurance sottolinea che «la Cina sta facendo un lavoro migliore riguardo ai sistemi di protezione ambientale al proprio interno, che non a livello internazionale, e che ha pubblicato una montagna di documenti verdi e di promesse sulla Nuova Via della Seta. Ma il lupo perde il pelo ma non il vizio». E conclude: «La Cina ha un’opportunità unica, ma se continua a fare come se niente fosse, credo che il prezzo per l’ambiente e i rischi economici per gli investitori potrebbero essere spaventosi».


Fonte: Epoch Times, https://www.epochtimes.it/news/la-nuova-via-della-seta-e-il-progetto-piu-rischioso-della-storia/

Articolo da Vision Times: Is China’s Silk Road the Riskiest Environmental Project in History?

Traduzione di Francesca Saba

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.