La modernizzazione forzata dello Xinjiang

Sabato è apparso su Il Manifesto un interessante articolo di Michelangelo Cocco che spiega come la regione autonoma degli Uiguri sia l’oggetto di un’azione di rilancio e modernizzazione da parte di Pechino.

Spiega anche che gli Uiguri soffrono la mancanza di libertà religiosa, ma nel complesso apre una porta alla speranza: la potenza economica cinese, per opera dell’ala più illuminata dei membri del Partito, porterà benessere e ricchezza anche nello Xinjiang.

Vorremmo anche noi respirare questa ventata di ottimismo.

Le notizie che ci arrivano dalla Cina e dall’Associazione Uiguri Americani (UAA), che fa capo al loro capo carismatico in esilio, Rebyia Kadeer, sono molto più critiche: non solo non c’è libertà di essere musulmani, nello Xinjiang, ma non c’è neanche la libertà di essere Uiguri. Le magnifiche villette a schiera di cui parla Cocco sono destinate ai cinesi di razza Han che – come insegna la triste storia del genocidio etnico che si sta perpetrando in Tibet – sono destinati a diventare maggioranza, mentre gli Uiguri sono destinati a scomparire.

FRP

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.