La festa della carne di cane Yulin inizierà questo fine settimana, sfidando la dichiarazione cinese che i cani sono animali domestici non cibo.

La festa della carne di cane Yulin inizierà questo fine settimana, sfidando la dichiarazione cinese che i cani sono animali domestici non cibo.  Gli attivisti del nostro gruppo partner hanno salvato 10 cuccioli che erano in offerta per la macellazione e la vendita in un mercato appena fuori Yulin.

Ancora una volta, stiamo assistendo a immagini strazianti di Yulin, in Cina, in vista dell’annuale “festival” di carne per cani che si tiene lì domenica. Un video registrato a terra dai partner della Humane Society International mostra file e file di carcasse di cani che giacciono su tavoli o macellati da mannaie, il tutto in contrasto con una dichiarazione del Ministero dell’Agricoltura cinese del mese scorso secondo cui i cani non sono destinati al consumo umano.

Anche nel video vedrai cuccioli, che erano in offerta per la macellazione e la vendita in un mercato appena fuori Yulin, salvati da attivisti animali cinesi. Gli attivisti, dopo aver visto i 10 cuccioli, hanno interrogato il proprietario della stalla su come gli animali erano stati acquisiti, e ha accettato di lasciare che gli attivisti li prendessero. I cani vengono ora curati presso il nostro rifugio partner.

“Non riuscivo a credere che qualcuno avrebbe nemmeno voluto mangiare questi adorabili piccoli cari”, ha detto uno degli attivisti, Jennifer Chen, che può essere visto sollevare un cucciolo dalla gabbia nel video. “Le mie mani tremavano … continuava a leccarmi le mani e, a sua insaputa, avrei potuto facilmente essere un mangiatore di carne per cani.”

La Cina ha compiuto progressi negli ultimi mesi verso la fine del commercio di carne di cane, soprattutto confermando all’inizio di questo mese che i cani sono considerati animali domestici e non carne. Sebbene questo non sia di per sé un divieto al commercio, due città – Shenzhen e Zhuhai – hanno vietato il consumo di carne di cane e gatto.

Anche a Yulin, quest’anno sembra esserci meno attività del solito. Con la rinascita del coronavirus a Pechino e le continue restrizioni ai viaggi in tutto il paese, i ristoranti di carne di cane e i mercati di Yulin sono più tranquilli. Anche il commercio in generale è lento, come hanno detto gli attivisti, perché il governo sta reprimendo il trasporto di animali tra le province. Ciò rende più difficile per i commercianti l’acquisizione di cani vivi al di fuori della provincia del Guangxi, come avveniva negli anni passati, quando un gran numero di cani veniva trasportato in camion, trascorrendo giorni senza cibo e acqua.

Mentre negli anni passati la carne di cane veniva venduta nei negozi della città, la maggior parte di tali vendite è stata ora consolidata in un’area centrale chiamata mercato di Nanchao alla periferia di Yulin. Il famigerato mercato Dongkou, un tempo epicentro delle vendite di carne di cane e del massacro di cani vivi, ha molti meno venditori rispetto agli anni passati. Il dott. Peter Li, specialista politico di HSI in Cina, ritiene che ciò potrebbe essere dovuto al fatto che le autorità potrebbero voler tenere d’occhio tutte le attività commerciali della carne di cane centralizzandola.

Mentre gli attivisti del nostro gruppo partner hanno scoperto tre viaggi separati a Yulin nelle ultime 12 settimane, anche il consumo di carne di cane tra i residenti della città è diminuito. Hanno ascoltato persone come Xiao Shu, una giovane proprietaria di un negozio che vive a Yulin con i suoi tre cani e 10 gatti e, come la maggior parte dei giovani cinesi, non sognava di mangiare carne di cane.

Mentre tutto ciò è incoraggiante, anche un cane ucciso per questo commercio è uno di troppo. Sosteniamo attivisti per la tutela degli animali cinesi che stanno sollecitando le autorità locali di Yulin ad accogliere la dichiarazione del governo nazionale secondo cui i cani sono compagni e non cibo, interrompendo il festival della carne di cane e il commercio di carne di cani e gatti durante tutto l’anno. L’occhio del mondo, ancora una volta, è concentrato sulla Cina mentre si svolge questo raccapricciante evento, questa volta ancora più da vicino a causa della pandemia di coronavirus e del suo legame con mercati affollati in cui gli animali vengono macellati per il cibo. La maggior parte delle persone in Cina non mangia carne di cani e gatti, e non vi è alcuna tolleranza lì – o nel resto del mondo – per tale crudeltà.

Fonte: A Human World,19/06/2020


Traduzione e commento di Giuseppe Manes,Arcipelago laogai: in memoria di Harry Wu

Anche in questa occasione il governo centrale di Pechino condanna invece di vietare. Eppure quando vuole vietare riesce molto bene a farlo. Evidentemente tutto ricade nella strategia geopolitica di Pechino. Non vuole perdere il controllo sulla provincia autonoma dello Guangxi Zhuang, in cui vive la storica minoranza etnica Tày, al confine col Vietnam del nord. 


Articolo in inglese:

Yulin dog meat festival to begin this weekend, defying Chinese declaration that dogs are pets not food 

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.