La Cina utilizza le Nazioni Unite per espandere la sua portata di sorveglianza

In nome dello “sviluppo sostenibile”, Pechino assume la guida negli sforzi di raccolta dei dati. Mentre gli Stati Uniti stanno cercando di limitare i flussi di dati a Pechino, il Segretariato delle Nazioni Unite a New York sta lavorando con Pechino per creare hub di dati globali congiunti con sede in Cina.

I piani includono un centro di ricerca per l’elaborazione dei dati dagli Stati membri delle Nazioni Unite e un centro geospaziale per arruolare l’abilità della Cina nella sorveglianza satellitare.

Ufficialmente, l’obiettivo è quello di razionalizzare e migliorare i progetti sempre più basati sui dati delle Nazioni Unite. Questo China-U.N. complesso verrebbe integrato nel piano generale delle Nazioni Unite per lo sviluppo globale, Agenda 2030. Ciò comporta 17 ampi “obiettivi di sviluppo sostenibile”, come porre fine alla povertà e raggiungere “pace e giustizia”. Avendo incontrato difficoltà a raccogliere i dati desiderati, l’ONU è impegnato in una campagna per aumentare la rendicontazione e unificare gli standard nei suoi 193 stati membri e in tutte le sue agenzie, dipartimenti e iniziative tentacolari.

La Cina, il principale stato di sorveglianza ad alta tecnologia del mondo, è felice di aiutare. Accordi per un China-U.N. la partnership per i big data è in fase di definizione. Lo ha annunciato il leader del Partito Comunista Cinese, Xi Jinping, nel suo discorso il 22 settembre al 75 ° dibattito annuale di apertura (virtuale) dell’Assemblea Generale delle Nazioni Unite, promettendo di “sostenere le Nazioni Unite nel svolgere il loro ruolo centrale negli affari internazionali”. Il signor Xi ha affermato che “la Cina istituirà un Centro globale di conoscenza e innovazione geospaziale delle Nazioni Unite”, accompagnato da “un Centro internazionale di ricerca sui Big Data per gli obiettivi di sviluppo sostenibile per facilitare l’attuazione dell’Agenda 2030”.

I registri delle Nazioni Unite mostrano che le posizioni sono state scelte. Sono stati firmati memorandum di intenti tra il governo cinese e il Dipartimento per gli affari economici e sociali delle Nazioni Unite, che funge da segretariato per gli obiettivi di sviluppo sostenibile. Il dipartimento fa capo al segretario generale ma è diretto dal 2007 dalla Cina, quindi i funzionari che hanno firmato questi accordi per conto della Cina e delle Nazioni Unite erano entrambi cinesi.

Il centro geospaziale avrà sede nella contea di Deqing, nella provincia di Zhejiang, sede di un parco industriale geospaziale e ospiterà nel 2018 un Congresso mondiale sull’informazione geospaziale delle Nazioni Unite. L’istituto per i Big Data sarà a meno di un’ora di macchina, a Hangzhou. Questa è anche la sede del gigante tecnologico Alibaba Group, il cui co-fondatore ed ex presidente esecutivo, Jack Ma, ha co-presieduto con Melinda Gates un panel del 2018 sulla “cooperazione digitale” organizzato dal Segretario generale Antonio Guterres. L’approfondimento del rapporto tra le Nazioni Unite e i miliardari negli Stati Uniti e in Cina sta servendo le aspirazioni del Partito Comunista Cinese per il dominio globale.

Nel giugno 2019 i capi dell’Ufficio nazionale di statistica cinese e del Dipartimento degli affari economici e sociali delle Nazioni Unite, Ning Jizhe e il sottosegretario generale Liu Zhenmin, si sono incontrati a Shanghai. Lì hanno firmato un memorandum d’intesa intitolato “Nazioni Unite – National Bureau of Statistics Institute of Big Data”. Mira a trarre vantaggio dai metodi e dalle competenze tecnologiche della Cina, “in collaborazione con il settore pubblico e privato in Cina”. La configurazione potrebbe facilmente diventare una rete di intelligence globale per la Cina.

La Cina ha già cooptato le Nazioni Unite come veicolo per la Belt and Road Initiative del signor Xi, con la sua diplomazia della trappola del debito, investimenti progettati per una potenziale proiezione militare e l’estensione dei metodi dispotici e dell’influenza della Cina. L’anno scorso il Segretario generale delle Nazioni Unite Guterres ha lodato Belt and Road come “intrinsecamente legato” agli obiettivi di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite. I documenti delle Nazioni Unite mostrano che dozzine di filiali delle Nazioni Unite hanno firmato accordi per sostenere questa iniziativa cinese, comprese tutte e 15 le agenzie specializzate delle Nazioni Unite come la Banca mondiale e il Fondo monetario internazionale, e quattro delle quali sono attualmente gestite dalla Cina.

In patria, il regime cinese mette in campo le sue capacità high-tech per controllare l’accesso domestico a Internet tramite il suo Great Firewall, vieta l’uso delle piattaforme di social media statunitensi come Facebook e Twitter (con esenzioni per i funzionari che trasmettono propaganda all’estero) e ne fa un uso prolifico di tecnologie basate sui dati per il monitoraggio, il controllo e la censura della popolazione cinese. Gli effetti sono stati illustrati all’inizio di quest’anno con la messa a tacere e la detenzione di Li Wenliang di Wuhan, il medico che ha cercato di lanciare un allarme tempestivo sul coronavirus prima di morire di Covid-19 a febbraio.

Il complesso geospaziale e big data promesso dal signor Xi tra le Nazioni Unite e la Cina consentirebbe la mappatura dettagliata di tutto, dalla topografia e infrastruttura al comportamento umano, nel tempo e in tutto il mondo. La Cina con le proprie forze sta già raccogliendo e in alcuni casi rubando tesori di dati a livello mondiale. Ma il marchio di legittimità delle Nazioni Unite renderebbe più facile per Pechino proteggere i flussi di dati dagli stati membri, influenzare gli standard e le norme delle Nazioni Unite per tale raccolta di dati, modellare i risultati, inserirli nel sistema delle Nazioni Unite e proiettare la tecnologia del Partito Comunista Cinese. tirannia in tutto il mondo.

La sig.ra Rosett è membro aggiunto dell’Hudson Institute e membro della politica estera dell’Independent Women’s Forum.

Traduzione di Roy Merlo,Arcipelago laogai: in memoria di Harry Wu

Fonte: WSJ,07/10/2020

Articolo in inglese:

China Uses the U.N. to Expand Its Surveillance Reach 

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.