La Cina sembra determinata a schiacciare il buddismo tibetano mentre la segretezza continua su un bambino rapito 25 anni fa

Venticinque anni dopo che il governo cinese ha rapito il Panchen Lama *(grande studioso) del Tibet, il mondo si sta chiedendo che aspetto abbia il bambino di sei anni dopo aver compiuto 31 anni il 25 aprile.

 

Mentre i buddisti tibetani di tutto il mondo festeggiavano il suo compleanno, il loro governo in esilio, con sede nello stato dell’Himachal Pradesh nel nord dell’India, chiedeva alla Cina che fine aveva fatto, da quando è stato preso in custodia nel 1995.

Il Panchen Lama, inizialmente chiamato Gedhun Choekyi Nyima, sarebbe la seconda figura più alta del buddismo tibetano naturalmente se fosse vivo e libero. È considerato secondo solo al famoso Dalai Lama, indiscutibile leader spirituale e politico della fede.

In riferimento al compleanno di Nyima, le interpretazioni degli artisti di come potrebbe apparire il ragazzo, ruotavano sui social media, facendo arrabbiare Pechino e aumentando il morale dei tibetani.

Nonostante le sporadiche affermazioni della Cina secondo cui Nyima (nato nel Tibet controllato dal regime cinese, il 25 aprile 1989) conduceva una vita sana, nessuno ha visto o sentito l’11 ° Panchen Lama dal 17 maggio 1995.

Il Dalai Lama e i tibetani considerano Nyima un’emanazione del Buddha Amitabha  che dovrebbe prendere il mantello della leadership dal Dalai Lama. Ma Pechino ha rifiutato di accettarlo come legittimo Panchen Lama.

Rapimento di bambini

Il Dalai Lama ha riconosciuto Nyima di sei anni come l’undicesimo Panchen Lama il 14 maggio 1995. La Cina ha portato via lui e la sua famiglia tre giorni dopo.

Buddisti tibetani e attivisti per i diritti umani affermano che la scomparsa forzata del successore del Dalai Lama è stato il metodo lungimirante della Cina per assumere il controllo della popolazione tibetana fedele al buddismo tibetano.

“Loro [i comunisti cinesi] stanno aspettando la mia morte e riconosceranno il 15 ° Dalai Lama di loro scelta”, ha scritto il Dalai Lama nel 2011 in un lungo saggio sulla reincarnazione.

La Cina comunista, che gode della notorietà globale come governo anti-religioso, rivendica il Tibet, al confine con l’India settentrionale, come parte integrante del suo territorio. Ma il popolo tibetano afferma che la Cina occupa illegalmente la propria terra dal 1959.

Dopo che la Cina occupò il Tibet, il Dalai Lama fuggì in India nel 1959, ma il decimo Panchen Lama rimase in Tibet e fu inizialmente visto come un collaboratore. Più tardi, quando le sue critiche infastidirono i cinesi, trascorse più di un decennio in prigione o agli arresti domiciliari.

Il decimo Panchen Lama morì all’età di 50 anni nel suo palazzo del monastero di Tashilhunpo nel mese di gennaio del 1989 mentre visitava il Tibet. Secondo quanto riferito, è morto per insufficienza cardiaca, ma ci sono sospetti che sia stato avvelenato.

Dopo aver respinto Nyima, i cinesi hanno scelto Gyaltsen Norbu come 11 ° Panchen Lama nel 1995, nel tentativo di conquistare i sei milioni di tibetani che vivono nella regione autonoma del Tibet in Cina.

I cinesi, come scrisse il Dalai Lama, “hanno una strategia dettagliata per ingannare i tibetani, i seguaci della tradizione buddista tibetana e la comunità mondiale”.

Il regime comunista, nel suo entusiasmo per il controllo della religione, è andato oltre. L’Amministrazione statale cinese per gli affari religiosi nel 2007 ha emesso un ordine secondo cui tutti i templi buddisti in Cina devono presentare una domanda di reincarnazione all’amministrazione per il riconoscimento ufficiale degli insegnanti reincarnati.

I cinesi usano ripetutamente l’inganno usando il buddismo e i suoi leader per i loro scopi politici, in particolare in Tibet. È assurdo che i comunisti, che rifiutano Dio e la religione, siano visti impegnati in questioni religiose, fino al punto di decidere sulle incarnazioni.

“Questo è scandaloso e vergognoso”, scrisse il Dalai Lama sull’ordine cinese delle incarnazioni e delle relative regole. I “metodi inappropriati” per riconoscere le reincarnazioni mirano a “sradicare le nostre uniche tradizioni culturali tibetane. Il danno sarà difficile da riparare”, ha detto.

Ma nulla è cambiato nella metodologia cinese. Panchan Lama Nyima è scomparso.

Problemi nel buddismo tibetano.

Per anni, Nyima è stato considerato il più giovane prigioniero politico del mondo. La sua sparizione forzata è stata evidenziata durante i gli eventi organizzati per il 31 ° compleanno nei monasteri tibetani in India.

Agenzie globali che parlano della libertà religiosa, come la Commissione americana per la libertà religiosa internazionale, oltre a vari gruppi buddisti tibetani, hanno cercato informazioni su dove si trovasse Nyima e sul suo rilascio immediato.

L’amministrazione centrale tibetana, nota anche come governo tibetano in esilio, ha annunciato un’iniziativa globale della durata di un mese. La campagna terminerà il 17 maggio, segnando la data in cui la Cina ha rapito Nyima e i suoi genitori.

Gruppi di sensibilizzazione come il Tibetan Youth Congress e Students for a Free Tibet hanno lanciato campagne di sensibilizzazione sulla scomparsa del Panchen Lama.

Lo stesso Dalai Lama ha messo da parte le speculazioni sulla sua prossima reincarnazione. Nel 2011, ha formalmente dichiarato che solo lui ha l’autorità per decidere la sua futura incarnazione.

Ha suggerito che la sua prossima possibile incarnazione potrebbe essere trovata in India, dove ha vissuto negli ultimi 60 anni dal suo esilio dal Tibet.

Nonostante ciò, un portavoce del ministero degli Esteri cinese ha affermato a marzo 2019 che la reincarnazione del Dalai Lama “deve rispettare le leggi e i regolamenti cinesi”.

La Cina sembra determinata a schiacciare il buddismo tibetano in Tibet. Ma la devozione dei tibetani al prigioniero Panchen Lama indica che resisteranno a tali sforzi con le loro vite.

Le opinioni espresse in questo articolo sono quelle dell’autore e non riflettono necessariamente la posizione editoriale ufficiale di UCA News.

  • (il bambino non era ancora uno studioso, ma il nome  “Grande Studioso” è la tradizione del nome Panchen Lama)

Traduzione di Evaristo Cicatiello,Arcipelago laogai in memoria di Harry Wu

Fonte: UCA News,30/04/2020

Articolo in inglese:

China: Stifling Tibet through the Panchen Lama

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.