- Arcipelago Laogai - https://www.laogai.it -

La Cina ordina ai suoi diplomatici di mostrare “spirito battagliero”

La Cina chiede ai suoi diplomatici di essere  più aggressivi nel promuovere il punto di vista di Pechino, sotto pressione a livello internazionale per la disputa tariffaria con gli Stati Uniti, per le proteste anti-governative di Hong Kong e per la situazione dei diritti umani nella regione autonoma dello Xinjiang.

Il ministro degli Esteri,Wang Yi, secondo tre fonti citate dalla agenzia Reuters, in un incontro il mese scorso ha incitato i funzionari del suo dicastero di essere più aggressivi nel difendere il paese,di fronte a scenariche potrebbero minarne l’immagine a livello internazionale.

Il richiamo sembra mettere in pratica il discorso pronunciato da Xi Jinping agli allievi della scuola del partito comunista (Pcc), all’inizio di settembre scorso.

In quell’occasione, il presidente cinese aveva detto che i funzionari del Pcc “dovrebbero essere guerrieri che osano lottare e che sono bravi a combattere” e aveva citato Hong Kong trai fattori di rischio della Cina, per la prima volta dall’inizio delle proteste anti-governative, cominciate a giugno scorso.

L’ordine di cambiare atteggiamento arrivato dal ministro degli esteri ha destato qualche sorpresa. “Questa è la prima volta che viene detto di mostrare più spirito battagliero”, ha detto una delle fonti citata dall’agenzia. Tra le prime applicazioni pratiche del messaggio lanciato dal ministro degli Esteri e Consigliere di Stato cinese, vi sarebbe l’apertura di diversi account Twitter da parte di diplomatici cinesi, nonostante il social network sia oscurato in Cina dal Great Firewall, tra cui anche uno dello stesso Ministro degli Esteri, MFA_China: il primo tweet, lanciato lunedi scorso, è stato, forse non casualmente, dedicato all’annuncio  da parte della portavoce, Hua Chunying, delle contro misure messe in atto da Pechino dopo la firma della legge su democrazia e diritti umani a Hong Kong da parte del presidente Usa, Donald. Trump.

Fino a oggi l’account Twitter del portavoce del ministro degli Esteri ha già superato quota diecimila follower.

English article, Reuters:

China demands ‘fighting spirit’ from diplomats as trade war, Hong Kong protests simmer [1]